Sallusti, gesto simbolico: evade dai domiciliari, processo per direttissima COMMENTA  

Sallusti, gesto simbolico: evade dai domiciliari, processo per direttissima COMMENTA  

Milano – Il Direttore del Giornale Alessandro Sallusti è stato nuovamente arrestato per evasione. Il giornalista era stato prelevato dalla polizia presso la redazione del quotidiano da lui diretto.

Al momento dell’arrivo degli agenti era in corso una riunione con i capi redattori. Sallusti aveva detto: “Violare la redazione di un giornale è violare la libertà di stampa”. La polizia ha notificato al direttore gli arresti domiciliari e accompagnato il giornalista a casa dove vi sarebbe dovuto restare confinato.

Sallusti dopo meno di 5 minuti è uscito di casa obbligando gli agenti ad arrestarlo nuovamente. Sallusti sarà processato per direttissima il prossimo 6 dicembre. Il giudice di Milano Carlo Cotta ha convalidato l’arresto per evasione del direttore, ma ha disposto i domiciliari perché Sallusti si è impegnato a rispettare le prescrizioni imposte e ha spiegato che l’evasione di stamane è stato un gesto simbolico.

Sallusti, secondo quanto stabilito, potrà uscire due ore al giorno e dovrà tornare in aula, per il processo per evasione, il prossimo 6 dicembre. Sembra chiaro che Sallusti sapesse il fatto suo e a cosa andava incontro in caso di evasione dai domiciliari.

L'articolo prosegue subito dopo

Tutto calcolato, dunque, l’effetto mediatico è stato ottenuto e Sallusti starà lontano da San Vittore dove diceva di voler andare.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*