SALONE DELL’ORIENTAMENTO 2013: SCEGLIERE IL PERCORSO DI STUDI DOPO LA TERZA MEDIA COMMENTA  

SALONE DELL’ORIENTAMENTO 2013: SCEGLIERE IL PERCORSO DI STUDI DOPO LA TERZA MEDIA COMMENTA  

scuoletorinoÈ stata inaugurata venerdì 29 novembre, alla presenza dell’assessore al Lavoro, alla Formazione professionale e all’Istruzione della Provincia di Torino Carlo Chiama, l’edizione 2013 del Salone dell’Orientamento – Orientarsi dopo la 3ª media, che si svolge al PalaRuffini, in viale Bistolfi 10 a Torino, nelle giornate di venerdì 29 e sabato 30 dalle 9.30 alle 18.


Partecipando al Salone, i ragazzi e le loro famiglie che si accingono a scegliere il percorso di studi dopo la terza media hanno la possibilità di conoscere in un unico luogo tutta l’offerta formativa del territorio cittadino e della prima cintura. I giovani possono incontrare docenti, ottenere informazioni e raccogliere materiale sui percorsi di studio, confrontarsi con le iniziative di orientamento proposte (porte aperte/open day, visite, colloqui), partecipare a incontri e seminari, curati da esperti, su temi specifici: la formazione tecnica e professionale, le tendenze del mercato del lavoro, il senso dell’attuale sistema scolastico, l’importanza di attitudini e motivazioni nella scelta.


La manifestazione è stata preceduta da incontri preparatori (a partire dal 30 ottobre fino al 27 novembre) organizzati in ciascuna Circoscrizione, curati da orientatori di Città e Provincia di Torino, al fine di sensibilizzare docenti e famiglie sull’importanza della scelta, sul ruolo dell’orientamento e su aspetti pratici in merito all’organizzazione del Salone, per renderlo maggiormente fruibile da parte di tutti i partecipanti.


Sono presenti 50 scuole secondarie di 2° grado statali, 16 scuole secondarie di 2° grado paritarie e 10 agenzie formative suddivise per le seguenti aree di interesse: scienza e tecnologia, industria e artigianato, artistica e grafica, umanistica, turismo e lingue straniere, ospitalità e ristorazione, ambiente e costruzioni, servizi commerciali e aziendali e servizi alla persona.

L'articolo prosegue subito dopo


Durante i due giorni del Salone i ragazzi possono incontrare gli esperti di Orientarsi – il sistema pubblico di orientamento costituito da Regione Piemonte, Provincia e Città di Torino e dai quattro Atenei piemontesi con il coinvolgimento dei Comuni del territorio, delle istituzioni scolastiche statali e paritarie e delle agenzie formative, in raccordo con Centri per l’Impiego e imprese – che offre agli adolescenti, alle famiglie e agli insegnanti un servizio gratuito di informazione e orientamento alle scelte scolastiche, formative e professionali.
Nel 2012, Orientarsi ha coinvolto circa 40mila adolescenti e giovani dai 12 ai 22 anni dell’intero territorio provinciale, vale a dire il 20% della popolazione di quella fascia di età. Tra agosto 2012 e giugno 2013, 3420 ragazzi hanno usufruito del servizio di orientamento individuale.
Lo scorso anno nel Centro di Orientamento scolastico e professionale della Città (Cosp) 6mila studenti sono stati orientati utilizzando il test Arianna, che evidenzia le attitudini e le motivazioni dei ragazzi, 256 classi delle scuole medie hanno utilizzato i servizi del Centro (informazione e consulenza orientativa), in cui si sono svolte 604 consulenze personalizzate; 168 incontri per studenti e famiglie si sono nelle scuole.

“Non dobbiamo stancarci di raccomandare ai nostri giovani di prendere coscienza dei propri interessi, attitudini e aspirazioni quando è il momento di fare le scelte post terza media – spiega l’assessore al Lavoro, alla Formazione professionale e all’Istruzione della Provincia di Torino Carlo Chiama – e di ricordare loro che il mondo del lavoro di oggi richiede che si acquisiscano sempre più competenze tecnico-specialistiche”.

“Il primo Salone organizzato congiuntamente lo scorso anno da Città e Provincia di Torino è stato un successo – sottolinea l’assessore alle Politiche educative della Città di Torino Maria Grazia Pellerino –. Dai dati a disposizione è emerso che sono state ottomila le persone che vi hanno partecipato. Questo progetto rappresenta l’impegno dell’Amministrazione Comunale e della Provincia nella lotta contro la dispersione scolastica, in cui il sostegno nella scelta consapevole del percorso di studi rappresenta un presupposto fondamentale. Per questa ragione abbiamo promosso un calendario di incontri nelle Circoscrizioni per sensibilizzare docenti e famiglie sull’importanza della scelta e su come utilizzare al meglio il Salone, un appuntamento sempre più ricco di opportunità. Alle riunioni hanno partecipato un migliaio di persone”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*