Sampdoria, che guaio: Pozzi fuori tre settimane - Notizie.it

Sampdoria, che guaio: Pozzi fuori tre settimane

Serie Minori

Sampdoria, che guaio: Pozzi fuori tre settimane

Brutta tegola per la Sampdoria: Atzori dovrà rinunciare per almeno tre settimane a Nicola Pozzi, vittima di uno stiramento alla coscia destra durante il primo allenamento settimanale. Un infortunio inizialmente sottovalutato ma che ha riservato una brutta sorpresa al momento degli accertamenti diagnostici: Pozzi infatti, pur partendo in estate nelle retrovie dell’ipotetica gerarchia in attacco e dopo essere stato più volte indicato come il giocatore da “sacrificare” per fare cassa, ha saputo da subito ritagliarsi un posto fisso, grazie al suo innato istinto del gol ed alle sue caratteristiche di punta centrale, anche abile nel gioco aereo, che lo rendono quasi unico nel rooster offensivo di Atzori.

Un’alternativa in realtà ci sarebbe, e si tratta ovviamente di Federico Piovaccari, che peraltro rispetto a Pozzi è meno punta d’area di rigore e maggiormente portato a partire da lontano. Eppure toccherà proprio al capocannoniere uscente della Serie B reggere le sorti dell’attacco blucerchiato insieme a Bertani per i prossimi venti giorni, compresa la cruciale partita contro il Torino del 30 settembre.

Piovaccari ha alle spalle già due presenze in tribuna nelle prime cinque giornate, spia di un rapporto ancora non sbocciato con Atzori come dimostra la strana giustificazione addotta dal tecnico riguardo all’esclusione del giocatore dalla partita contro il Grosseto: Atzori aveva parlato di “una scelta tecnica basata sulle impressioni destate durante la settimana di allenamento” in cui Fornaroli si era dimostrato più pronto. Peccato che il giocatore il giorno dopo non si sia allenato per i postumi di quel colpo alla caviglia subita in ritiro e non ancora smaltito. Qual è la vera ragione del disagio di Piovaccari? Fisica o psicologica? Qualunque sia, ora il campo gli offrirà un’opportunità quasi irripetibile.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche