Samsung esplosioni: Galaxy s7 in fiamme ha procurato ustioni di terzo grado COMMENTA  

Samsung esplosioni: Galaxy s7 in fiamme ha procurato ustioni di terzo grado COMMENTA  

Samsung esplosioni: Galaxy s7 in fiamme ha procurato ustioni di terzo grado
Samsung esplosioni: Galaxy s7 in fiamme ha procurato ustioni di terzo grado

Il meccanico, in seguito all’esplosione del Samsung, ha avuto delle ustioni alle mani e ai polsi, rispettivamente di secondo e terzo grado, come ha raccontato alla CTV News.


Il Samsung Galaxy 7 Note continua a rivelarsi un vero e proprio disastro, un fallimento su tutti i fronti, a cominciare dal fatto che avrebbe dovuto competere con la concorrenza.


Ora un altro problema si è verificato lungo il percorso e si tratta di una vera e propria esplosione, dal momento che uno smartphone Galaxy è esploso in Canada, anche se non è un vero e proprio Note 7.


Quanto successo a un meccanico di Winnipeg ha dell’incredibile. Era alla guida della sua auto quando il suo Galaxy S7 ha cominciato a scaldarsi. Appena lo ha preso, lo smartphone gli è esploso in mano e la macchina è stata invasa dal fumo. L’uomo ha poi avuto la forza di gettarlo dal finestrino, altrimenti la sua macchina avrebbe preso fuoco e avrebbe causato ingenti danni”.

Inoltre, a causa delle ferite riportate, dovrà stare a riposo e non lavorare per le restanti quattro settimane.

L'articolo prosegue subito dopo


Mann, l’uomo a cui il cellulare è esploso, racconta che i danni avrebbero potuto essere peggiori.

L’azienda si è mostrata disponibile e invita tutti coloro che dispongono di un cellulare di questo tipo e che hanno problemi a parlarne in modo da risolverli al più presto.

Il problema con il Galaxy è quello che ha colpito anche dispositivi di marchio diverso, come il Samsung, la Apple e i Note 7.

Un incidente, un disastro come questo avrà delle ripercussioni sull’azienda che dovrà rispondere dei danni subiti.

 

Leggi anche

matteo achilli
Tecnologia

Intervista a Matteo Achilli: Egomnia, startup e dubbi

Matteo Achilli è un imprenditore italiano di 25 anni che nel 2012 ha fondato Egomnia, una piattaforma per chi cerca e offre lavoro. Appena ventenne, si è conquistato la copertina di Panorama Economy, che lo ha battezzato l’ “Italian Zuckerberg”. A distanza di 5 anni la società non decolla, le polemiche invece spiccano il volo. Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*