Samsung: utili record nel secondo trimestre, sorpasso su Apple - Notizie.it

Samsung: utili record nel secondo trimestre, sorpasso su Apple

Tecnologia

Samsung: utili record nel secondo trimestre, sorpasso su Apple

Samsung

Samsung Electronics supera per la prima volta Apple, segnando utili netti record nel secondo trimestre 2017, grazie ai microchip e al Galaxy S8.

Samsung Electronics ha segnato segna utili netti record nel secondo trimestre 2017. Il grande passo è avvenuto grazie alla forte domanda di microchip e all’andamento del Galaxy S8, in continuo rialzo annuo dell’85%: crescono a 10.800 miliardi di won (9,7 miliardi di dollari).

Samsung supera Apple per la prima volta

Il gruppo di Cupertino ha già annunciato che diffonderà i dati nella giornata di Martedì e secondo quanto sostengono gli analisti, dovrebbe fermarsi a 8,2 miliardi di dollari. Il colosso sudamericano si avvia a battere per la prima volta Apple sui profitti, segnando così un grande passo per Samsung, nonostante la crisi del Galaxy Note 7 e l’arresto per corruzione del vice presidente e leader de facto Lee Jae-yong. Bryan Ma, analista tecnologico a IDC, ha specificato che dietro al netto avanzamento di Samsung non ci sarebbe solo il Galaxy S8, “ma anche le memorie e i display”.

La serie Galaxy S8 è stata protagonista di vendite mai avute con i precedenti modelli: un trend che è riuscito a fronteggiare la crisi del Galaxy Note 7, ritirato dai mercati nel 2016 a causa dei rischi di incendio della batteria.

La produzione del modello era stata infatti bloccata.

Samsung si appresta a mettere fine anche al regno di Intel, che da 25 anni detiene il primato del mondo per quanto riguarda le vendite di chip. Il colosso sudcoreano ha inoltre registrato nel secondo trimestre ricavi per i semiconduttori per 15 miliardi di dollari: cifra che va ben oltre le attese di 14,4 miliardi di dollari di Intel. Samsung Eletronics ha beneficiato dell’aumento dell’uso di chip, dalle auto all’internet of things.

L’analista Claire Kim spiega che, per quanto riguarda la vendita dei microchip, la domanda arriva anche da colossi come Facebook, Amazon e Alibaba. L’analista continua precisando che “Li comprano in quantità enormi per aumentare la loro capacità di immagazzinare dati: se tu e io continuiamo a usare Facebook, Instagram e Snapchat, questa è un’ottima notizia per i produttori di chip”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche