Santeramo, cani ammassati e lasciati a morire

Bari

Santeramo, cani ammassati e lasciati a morire

Santeramo, cani ammassati e lasciati a morire
Santeramo, cani ammassati e lasciati a morire

Uomo raccoglieva cani dalla strada per ammassarli in un recinto a morire di fame

Denunciato per maltrattamenti e uccisione di animali

Un uomo di 56 anni di Santeramo in Colle, nella provincia di Bari, dovrà rispondere di uccisione maltrattamento di animali. Pare infatti che l’uomo prelevasse dalla strada centinaia di cani per ammassarli all’interno di un terreno recintato, con pochissimo cibo, senz’acqua, senza cure e privi di ogni riparo dalle intemperie. dove erano lasciati a se stessi, senza cure, senza acqua, senza alcun riparo dalla pioggia o dal sole, e con pochissimo cibo. Tra il 2008 e il 2014 ne sarebbero morti a centinaia, tra quelli che si ammalavano e quelli che perivano per la fame, o per le ferite riporate nelle zuffe che nascevano proprio per la contesa del poco cibo. Le carcasse degli animali venivano poi seppellite nelle campagne circostanti.

L’Enpa ( Ente Nazionale Protezione Animali) ha denunciato l’uomo oltre ai reati di uccisione e di maltrattamento di animali dovrà rispondere anche del reato di invasione di terreni e di edifici, dal momento che l’area adibita a prigione dei cani è risultata essere occupata abusivamente.

Il processo si aprirà il 9 marzo 2016 con lo stesso Enpa che chiede di essere ammesso a parte civile si auspica il massimo della pena per il 56enne laddove dovesse essere condannato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche