Sara Tommasi, ex lancia appello su Facebook COMMENTA  

Sara Tommasi, ex lancia appello su Facebook COMMENTA  

L’ex fidanzato di Sara Tommasi, Stefano Ierardi, ha lanciato un appello su Facebook. Secondo quanto scrive Ierardi infatti Sara sarebbe ormai una “povera donna incapace di intendere e di volere”. Più di tre anni, che nel breve periodo in cui si frequentarono, “Sara era una splendida ragazza e molto intelligente”, ma “soffre di veri e propri problemi psichici che laddove non curati (e a vederla così sono certo che non lo stia facendo da tempo) peggiorano a livello esponenziale giorno dopo giorno.

Senza contare della pericolositá per chi soffre di questa malattia associata all’uso di droghe, del quale so per certo che ha abusato piu volte in passato e probabilmente tutt’ora, ma del quale sono anche consapevole non sia dipendente e sia stata più volte lunghi periodi senza farne uso”. Sempre su Facebook, Ierardi svela altri particolari della vita della Tommasi: “Sara mi racconto più volte che all età di 17 anni venne molestata dal padre, cosa che poi interruppe la relazione dei suoi genitori.

La mamma di Sara soffre del morbo di Parkison e sclerosi multipla ad uno stadio avanzato e non è assolutamente in grado di occuparsi di Lei”. Il problema di Sara, conclude l’ex fidanzato, è che “essendo molto fragile cade spesso in persone meschine capaci di farle fare ció che piu gli aggrada.

L’ unico aiuto che noi possiamo fare per questa persona che non sta bene, è piantarla di alimentare questa bolla mediatica riguardante Sara e Diprè. Sara è schiava del succcesso, successo che 3-4 anni fa poteva ancora avere, ma che ormai è sepolto da tempo e nessuna persona seria e affidabile dal mio punto di vista potrebbe mai lavorare con lei e sono convinto che se si è associata a questo individuo lo fa, nella sua condizione psicofisica alterata, solamente in cambio di un po’ di popolarità.

L'articolo prosegue subito dopo

Quindi chiunque continui a condividere stati o link inerenti a questa vicenda si rende complice di questo schifo, e chiedo a chi di voi l’ abbia fatto di metterci una pietra sopra, sperando che la Tommasi trovi al più presto la sua serenità”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*