Sarah Scazzi: domani per l’avvio del processo pass e sala stampa

Cronaca

Sarah Scazzi: domani per l’avvio del processo pass e sala stampa


Sarah Scazzi: domani per l’avvio del processo pass e sala stampa
Le disposizioni del presidente del Tribunale per evitare la ressa. Riservati posti a pubblico e giornalisti. Ripristinato l’ingresso d’onore

Grandi manovre all’interno del tribunale di Taranto per l’avvio del processo per il delitto di Sarah Scazzi, la quindicenne uccisa il 26 agosto del 2010 ad Avetrana, in provincia di Taranto e il cui corpo, buttato in pozzo nelle campagne alle porte del paese, fu ritrovato nella notte tra il 6 e il 7 ottobre dello stesso anno.

Il dibattimento inizierà domani mattina alle 9. Alla sbarra ci sono 9 imputati, ma solo due, Sabrina Misseri e Cosima Serrano, sono accusati dell’omicidio della quindicenne.

Il presidente del tribunale di Taranto, Antonio Morelli, questa mattina ha firmato un decreto in cui si dispone che, considerata l’eccezionale risonanza mediatica del caso e ritenendo doveroso assicurare la regolarità e la serenità del giudizio oltre che il continuo svolgimento della vita normale del palazzo di giustizia, sarà ripristinato l’ingresso d’onore del tribunale e sarà riservata agli operatori dell’informazione una apposita sala stampa che è in allestimento in un corridoio di fronte all’aula di Corte di Assise.

In questo spazio sono già presenti diversi teleschermi e alcune telecamere.

In aula, al primo piano del palazzo di giustizia, potranno entrare una trentina di giornalisti (uno per testata), mentre una settantina sono i posti riservati al pubblico.

Per tutte le udienze, a partire ovviamente da domani, giornalisti e pubblico utilizzeranno ingressi separati e agli operatori dell’informazione sarà consentito circolare in tribunale solo utilizzando un pass che, in queste ore, è in distribuzione al piano terra del palazzo di giustizia per chi si sia accreditato.

L’intero processo sarà registrato dalle telecamere della trasmissione Un giorno in pretura, che poi si farà carico di ritrasmettere il segnale alle altre emittenti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche