Sardegna abbandonata, la laveria mineraria e il Villaggio Asproni con il loro fantasma - Notizie.it
Sardegna abbandonata, la laveria mineraria e il Villaggio Asproni con il loro fantasma
Viaggi

Sardegna abbandonata, la laveria mineraria e il Villaggio Asproni con il loro fantasma

La laveria mineraria abbandonata di Seddas Moddizzis

Storia della laveria e del villaggio

La laveria mineraria di Seddas Moddizzis o meglio ciò che ne rimane, si trova a nord – est del comune Gonnesa, nella provincia di Carbonia – Iglesias, situata nell’estrema parte sud-occidentale della Sardegna. Nel 1870 la struttura fu rilevata dall’Ingegner Giorgio Asproni (1841 – 1836), che sperava di trarre profitto dagli esistenti giacimenti di calamina, minerale utilizzato per l’estrazione dello zinco. Così fu, per un lungo periodo: l’attività andava talmente bene – in pochi anni vennero prodotte 100mila tonnellate di calamina – che fu anche possibile costruire per gli oltre 200 minatori un villaggio, chiamato Asproni come il titolare dell’azienda o Villaggio di Seddas Moddizzis come la miniera; era un villaggio sul genere di quelli operai sorti in quel periodo, con oltre alle case e alla villa del padrone, uno spaccio, una chiesa – in questo caso dedicata a S. Giorgio -, gli uffici della direzione, una scuola ed altri edifici ancora.

Tutto questo durò fino agli Anni Venti, quando la Seddas Moddizzis entrò in crisi, anche perché non le vennero garantiti i fondi per la necessaria modernizzazione degli impianti. Poi nel 1936, Asproni, che ormai era quasi centenario, morì e la sua famiglia decise di vendere. La miniera continuò a funzionare fino al 1963, dopodichè venne abbandonata. Oggi è recintata e non vi si può accedere per motivi di sicurezza.

Il villaggio è tuttora uno dei paesi fantasma più belli della Sardegna e, per quanto isolato, non è molto difficile da raggiungere. Negli anni è stato utilizzato per ospitare ovini e altri animali e persino in quella che fu la lussuosa villa del titolare dell’azienda, si trovano escrementi e carcasse di pecora. Attualmente questo luogo ancora in rovina è proprietà di un privato: lo ristrutturerà? In ogni caso si dice che qualcuno viva ancora sia lì che nella laveria della miniera: il fantasma del Cavalier Luigi Toro, eletto sindaco di Gonnesa il 23 luglio 1899.

Storia del fantasma del Cavalier Toro

Il 20 maggio 1906, in una delle prime rivolte socialiste, operai e minatori – anche della Seddas Moddizzis di Asproni – manifestarono violentemente sotto casa del primo cittadino di Gonnesa per le pessime condizioni di vita e di lavoro, saccheggiando pure un negozio di generi alimentari – titolari di Bernardo Crotta e Giovanni Muscas – . Allora il sindaco del paese, il Cavalier Toro, chiese l’intervento dell’esercito, che sparò sulla folla provocando tre morti, due uomini e una donna: il minatore Giovanni Pili, il falegname Angelo Puddu e Federica Pilloni.

Vennero anche ferite 17 persone e 270 arrestate. Ecco perché la figura del Cavalier Toro è “diventata” un fantasma. Lo spettro si manifesterebbe a Villaggio Asproni in un vortice di vento e fra i resti della laveria mineraria come un cavaliere senza testa. Si dice anche che quella che era stata la sua casa a Gonnesa, sia infestata da alcuni spiriti.

[Gallery]

1 / 12
1 / 12
La laveria mineraria abbandonata di Seddas Moddizzis
Altra zona della laveria
Ancora la laveria abbandonata tra la fitta vegetazione
Busto dell-Ingegner Giorgio Asproni
Ingresso di una casa di Villaggio Asproni
Casa e camino in rovina di Villaggio Asproni
Villaggio-Asproni--2-
Insegna della vecchia direzione
Ciò che rimane della scuola del villaggio
In lontananza la vecchia  Chiesa di San Giorgio
Villa Asproni
VillaggioAsproni

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche