Sardegna. Anteprime EJE 2012 all’FBI di Quartu COMMENTA  

Sardegna. Anteprime EJE 2012 all’FBI di Quartu COMMENTA  

15 marzo TRIACE (Salento) “Tra Incanti e Tradimenti”
22 marzo ELVA LUTZA + special guests (Sardegna)
29 marzo FRANCESCA CORRIAS (Sardegna) “Songshine”

FBI – Quartu Sant’Elena (CA)

Le produzioni originali e i progetti discografici di S’ardmusic e Jazz in Sardegna, in programma a giugno a Cagliari in occasione di European Jazz Expo 2012, saranno presentate in anteprima assoluta sul palcoscenico del FBI.

Un occasione unica per pregustare queste tre nuove fantastiche produzioni nel pieno della loro fase di registrazione e rifinitura, occasione nella quale non mancheranno le sorprese e gli ospiti.

Inoltre, grazie alle residenti dotazioni tecnologiche all’avanguardia e al supporto dello staff dell’FBI, i concerti saranno interamente registrati e filmati e alcuni brani dei live potrebbero far parte dei CD in uscita a maggio per S’ardmusic\Egea.

Il giovedì proponiamo un nuovo modo di miscelare le nostre sensazioni: Suoni e Percorsi Eno-Musico-Gastronomici dove tutto vale per inebriare i nostri sensi… a tal fine (per chi preferisce) sarà proposto questo interessantissimo percorso eno-gastronomico…al prezzo “politico” di 25 euro incluso acqua, servizio e coperto:

apertura al pubblico ore 20.30
inizio spettacolo ore 22.30
n.b.: per questi spettacoli si potrà assistere al live dopo aver cenato in sala (previa prenotazione ai numeri 070882332 -3939933399) usufruendo della formula menù dedicato o scegliendo alla carta

TRIACE
(Lecce – Salento)
Emanuela Gabrieli Carla Petrachi Alessia Tondo – Voci
Marco Rollo – pianoforte, tastiere. Electronics
Alessandro Monteduro – percussioni

“TRA INCANTI E TRADIMENTI”
Il nuovo progetto “Tra Incanti e Tradimenti”, nato da un’idea di Elena Ledda, è un viaggio sonoro che prende vita dalle voci di Emanuela Gabrieli, Alessia Tondo e Carla Petrachi. Partendo dalla tradizione Salentina, rivisitata in una chiave del tutto innovativa, le tre artiste incontrano le suggestioni di un linguaggio nuovo e moderno attraverso l’uso della polifonia, la programmazione elettronica e il pianoforte di Marco Rollo.Nonostante i loro timbri assai diversi e tutti di dominante importanza, le voci si scambiano agevolmente i ruoli, si intrecciano, si armonizzano, sperimentano nuovi ritmi e tecniche vocali; le armonizzazioni sono ora percussive, ora melodiche; gli arrangiamenti musicali si alternano tra atmosfere acustiche ed elettroniche dub/tecno, per creare un’atmosfera danzante che va al di là della popolarità dei testi.Il titolo “Tra Incanti e TradiMenti”, racchiude intenti ed essenza del progetto: consapevoli, benevoli e produttivi “tradimenti” degli “incanti” della tradizione compiuti dai sui autori che, dopo un lungo lavoro di reinterpretazione, si misurano nella composizione di brani inediti.

Coproduzione Elenaledda Vox- Festival Internazionale Jazz in Sardegna associazione culturale
Produzione Artistica: Elena Ledda e Michele Palmas
Arrangiamenti: Silvano Lobina

ELVA LUTZA
(Sassari – Sardegna)
Nico Casu: trombe, voce
Gianluca Dessì: chitarra, mandole

La passione comune per la musica popolare, frequentata per oltre due decenni, come musicisti, studiosi e appassionati, ha portato all’incontro fra Nico Casu, trombettista e cantante già collaboratore, fra gli altri di Daniele Sepe, Nuova Compagnia di Canto Popolare e Roberto de Simone e Gianluca Dessì, chitarrista dalle varie esperienze in ambito etno-folk.

L'articolo prosegue subito dopo

Il nome del duo, che ha anche una sua incarnazione più “estesa” e “festaiola”, può richiamare il nome di qualche antica diva della canzone dei paesi del socialismo reale, come agli stessi componenti del duo piace far credere, ma è invece un nome sardo: “elva lutza” è l’erba magica, l’erba delle fate.
Il risultato dell’impasto fra due musicisti così diversi per esperienze e approccio è un vero viaggio nella musica tradizionale di varie regioni dell’europa (Balcani e Sardegna in primis, ma anche sud-italia e isole britanniche); lo spirito non è certamente quello del revival, o semplice riproposta, ma una rielaborazione in cui jazz, musica contemporanea e musica popolare si ritrovino ad essere “parenti acquisiti” e diano vita a una performance assolutamente originale dove possano convivere la doina rumena, il ballu tundu, la gavotta bretone e mille altri inputs musicali, fra cui, ovviamente l’improvvisazione.
Il repertorio è equamente diviso fra brani di composizione originale e altri di matrice folclorica.
Il disco, che porterà il nome del duo, vedrà la luce in primavera pubblicato da S’Ardmusic, e offrirà una panoramica dei diversi stili e generi che il duo affronta, dalla musica sarda di origine tradizionale, all’esplorazione di diverse culture musicali, balcani in primis, alle canzoni di propria composizione, in sardo logudorese e in dialetto sassarese-turritano.
L’incisione, nell’ossatura un lavoro in duo, vedrà la partecipazione di numerosi ospiti.
Gli Elva Lutza sono i vincitori del Premio Parodi 2011, una vittoria accompagnata da uno straordinario successo di pubblico e dall’unanime consenso da parte della qualificata giuria del premio. Questo consenso ha prodotto alcune illustre collaborazioni che vedranno la luce sul cd, e magari anche sul palcoscenico.
Produzione Jazz in Sardegna/S’ardmusic
Produzione Artistica Michele Palmas

FRANCESCA CORRIAS “SONGSHINE”
(Cagliari – Sardegna)
Francesca Corrias: voce, flauto traverso, loop station
Stefano D’Anna: sassofoni
Alessandro Di Liberto: pianoforte
Filippo Mundula: contrabbasso
Pierpaolo Frailis: batteria

SONGSHINE, splendore della canzone.
Francesca Corrias presenta, insieme al suo neonato quintetto, un nuovo progetto artistico che sarà presto su CD per l’etichetta S’ard Music.
Il gruppo eredita e arricchisce un percorso musicale, già segnato dal Sunflower Quartet, che vede al centro la canzone. Spinto da una forza motrice spiccatamente jazz, il quintetto non teme di farsi trasportare in territori ‘altri’, geograficamente lontani, o inaspettatamente vicini, e tesse così una trama sonora variopinta e particolare oltre che solida e resistente, fatta di cinque fili morbidi e brillanti.
Sulle musiche di D’Anna, Di Liberto, Mundula e della stessa Corrias prendono vita i testi delle melodie, storie piccolissime, metafore, simboli di qualcosa di grande, di importante. In versi sono trasformati i pensieri di personaggi immaginarii, un ragazzino indio della foresta amazzonica, un carcerato, una ragazza araba che parla con un uccellino, una poetessa.
In SONGSHINE ogni canzone porterà l’ascoltatore in viaggio, per terre più o meno remote, a conoscere storie di donne e di uomini comuni, uniti dall’urgenza di rivendicare la propria libertà.
Produzione Jazz in Sardegna/S’ardmusic
Produzione Artistica Michele Palmas

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*