Sbocchi lavorativi laurea in Scienze Politiche

Guide

Sbocchi lavorativi laurea in Scienze Politiche

Sbocchi-lavorativi-laurea-in-Scienze-Politiche
Sbocchi-lavorativi-laurea-in-Scienze-Politiche

Il politico? Non solo. La facoltà di Scienze Politiche offre numerosi sbocchi lavorativi, alcuni scontati, altri un po’ meno. Scopriamoli insieme.

Certo, lo sbocco più naturale per un laureato in Scienze Politiche è entrare in politica, lo dice la parola. Ma è una strada lunga, una tela che si tesse pian piano nel tempo. Ma non è detto che dobbiate diventare per forza presidente del Consiglio. Le cariche sono moltissime, anche a livello locale. O europeo.

Avete considerato la carriera diplomatica? L’iter però non è semplice: dovrete padroneggiare almeno 3 lingue straniere e superare un concorso. Ricordate comunque che in un’ambasciata non c’è solo l’ambasciatore, ma una serie di altri funzionari i cui compiti potrebbero richiedere competenze in Scienze Politiche.

In alternativa, ci sono le organizzazioni internazionali: anche qui non è facile entrare, la conoscenza fluente delle lingue straniere è altrettanto necessaria e dovrete mettere in conto di partire dal gradino più basso (leggi: stage o addirittura volontariato), ma se è questa la vostra strada…

Non trascurate nemmeno la strada della comunicazione: per commentare i fatti di attualità a livello internazionale ci vuole un esperto che abbia una buona panoramica internazionale e una visione complessiva. E questi siete voi. I nuovi media, poi, moltiplicano le occasioni: non è detto che dobbiate diventare il mezzobusto più famoso della TV, esistono anche i blog, i quotidiani on-line e i siti specializzati.

L’unica strada che per ora dovete escludere è l’insegnamento: i laureati in Scienze Politiche al momento non possono insegnare, ma qualcosa si sta muovendo anche in questo senso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...