Scambio Guarin-Vucinic: manca solo l’ufficialità COMMENTA  

Scambio Guarin-Vucinic: manca solo l’ufficialità COMMENTA  

Scambio Vucinic - Guarin
Scambio Vucinic - Guarin

È fatta, o quasi. Il tanto atteso scambio di giocatori fra Juventus ed Inter si farà: Vucinic vestirà nerazzurro e Guarin bianconero. L’ufficialità arriverà nella tarda mattinata, ma non è in discussione: all’Inter la Juve verserà anche un conguaglio di circa 3 milioni. In attesa delle comunicazioni sui rispettivi siti ufficiali, l’unico dubbio riguarda la formula del trasferimento: il neo-presidente dell’Inter Thohir preferirebbe uno scambio di prestiti, oggettivamente difficile dato che Guarin ha già dichiarato di non voler più rimettere piede alla Pinetina.

Alla fine, dunque, l’operazione andrà in porto dopo un lungo lunedì di passione, che ha tenuto i tifosi delle due sponde incollati ai monitor: dopo l’avvio-lampo della trattativa, nella mattinata di ieri, e la programmazione delle visite mediche per Vucinic a Pavia, sembrava tutto destinato ad una veloce conclusione. Poi la dura protesta della curva nerazzurra, l’invito rivolto a Thohir a trattare il suo nuovo club con il rispetto che merita, e l’improvviso dietrofront del magnate indonesiano, scottato dalla feroce reazione dei suoi tifosi. Verso la tarda serata di ieri la fumata era più nera che grigia. Poi, verso le 21, la nuova svolta: l’inutile protesta del popolo nerazzurro in Piazza Castello, la promessa di Thohir di “rimboccarsi le maniche” e la conferma del medico ufficiale nerazzurro, il dott. Combi, con un laconico “voi sapete già tutto…“.

Stamattina Marotta e Paratici hanno un appuntamento fissato con i dirigenti interisti e con i procuratori dei due calciatori, all’Una Hotel in via Cusani a Milano: il vertice è in corso, ed in questo momento mancano solo i dirigenti nerazzurri all’appello. Sperando che non tardino più di tanto, e che questa telenovela non vada oltre, perché oramai l’han capito tutti, volenti o nolenti: questo scambio s’ha da fare.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*