Scandalo Fifa, confermata la sospensione a Blatter e Platini

News

Scandalo Fifa, confermata la sospensione a Blatter e Platini

E’ stato respinto l’appello presentato da Joseph Blatter e Michel Platini contro la sospensione di 90 giorni da ogni incarico ufficiale stabilita qualche settimana (era l’8 dello scorso mese di ottobre) da dal Comitato Etico della Fifa.

La Commissione ha “respinto integralmente i ricorsi presentati da Joseph Blatter e Michel Platini” confermando “nella loro interezza le rispettive decisioni per quanto riguarda le misure provvisorie adottate dalla Camera arbitrale del Comitato Etico indipendente”. L’evento scatenante sono i due milioni pagati a Platini per una consulenza resa alla Fifa nel 2011, episodio sul quale l’ex campione francese è tornato diverse volte, dando la sua versione dei fatti (una consulenza resa in totale trasparenza), non accettata in prima battuta dal Comitato Etico e, ora, neppure dalla Commissione d’Appello.

Io resto candidato” è stata la dichiarazione di Michel Platini con riferimento alle elezioni per la presidenza Fifa. “La decisione (della Commissione d’Appello, ndr)” ha continuato il francese, “non mi sorprende e conferma che la Fifa indaga in modo unilaterale, iniquo e prevenuto: questa sentenza però ha un pregio, mi permette di ricorrere al Tribunale arbitrale dello sport, una corte indipendente».

L’attacco di Platini diventa diretto e duro quando si parla della Fifa, un’organizzazione che “sovrintende, senza oramai nemmeno tentare di nasconderlo, a un dilazione intenzionale e inammissibile della mia campagna per la presidenza. La decisione della Commissione d’Appello, del 3 novembre, mi è stata notificata oggi, due settimane dopo, senza alcun barlume di spiegazione a questo ritardo straordinariamente insolito”. “Nonostante le mie ripetute richieste” ha infine precisato Platini, “in nessun momento ho avuto la possibilità di esporre le mie ragioni ai giudici, il che è semplicemente scandaloso”.

Il prossimo mese, sia Blatter, sia Platini saranno chiamati a rispondere di eventuali risvolti di carattere penale davanti al Comitato Etico della Fifa, presieduto dal giudice Joachim Eckert. A quel punto, secondo quanto ha dichiarato, Platini si rivolgerà al Tribunale Arbitrale per lo Sport, il Tas di Losanna

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche