Scandalo Fifa: sotto inchiesta anche Francia 98

News

Scandalo Fifa: sotto inchiesta anche Francia 98

Dopo che i primi sospetti si erano concentrati sui Campionati Mondiali di Calcio ancora da disputare, Russia 2018 e Qatar 2022, l’indagine dell’Fbi nell’ambito dello scandalo Fifa si è allargata alle edizioni precedenti, fino ad arrivare a comprenderle tutte fino a Berlino 2006.

Emerge adesso però che anche per l’edizione di Francia del 1998 sarebbero state pagate delle tangenti.

Sembra averlo ammesso Chuck Blazer, ex dirigente della Fifa e grande pentito dell’intera vicenda, grazie al quale il Ministero della Giustizia statunitense è riuscito a penetrare nei segreti della federazione calcistica mondiale. Come in ogni grande scandalo, c’è una talpa e, in questo caso, la talpa sarebbe proprio Chuck Blazer.

Tutto risale alla deposizione rilasciata nel 2013 al Tribunale americano, in cui l’ex manager descrive il sistema delle tangenti come una prassi consolidata, ammettendone l’esistenza sin dal 1992, anno del voto per l’assegnazione del mondiale 1998, disputato poi in Francia.

Nel 1992, peraltro, Blatter ricopriva l’incarico di segretario generale della Fifa (fino ad oggi ricoperto da Jerome Valcke), mentre alla presidenza c’era il brasiliano Joao Havelange.

La sensazione è che, a questo punto, dall’inchiesta potrebbe emergere davvero di tutto, mentre le assegnazioni a Russia e Qatar potrebbero essere messe in discussione già oggi.

1 Trackback & Pingback

  1. Scandalo Fifa: sotto inchiesta anche Francia 98 | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...