Scappa dal carcere per donare midollo a sua figlia

Cronaca

Scappa dal carcere per donare midollo a sua figlia

carcere_sbarre-300x225

Un uomo olandese di 52 anni, V.L.K, era in attesa di essere processato per detenzione di sostanze stupefacenti. Affidato ad un’associazione che presta assistenza ai detenuti, l’uomo a novembre scorso è fuggito dall’istituto penitenziario. La motivazione è però nobile: donare il midollo osseo e salvare così la figlia. A confermare questa tesi è la moglie dell’uomo, che espone la vicenda all’avvocato del marito.

Ad aprile l’uomo è stato arrestato e poi trasferito al carcere di Regina Coeli. Grazie al comportamento modello tenuto in cella, è stato dato in affidamento ad un’associazione per la tutela dei diritti dei detenuti. In quello stesso periodo, però, sua figlia resta vittima di un incidente stradale e per sopravvivere ha bisogno di un trapianto di midollo osseo, non si riesce a trovare uno compatibile.

Così il detenuto olandese decide di evadere dal carcere, dopo aver lasciato un messaggio: “Sono l’unica persona che può aiutare mia figlia in questo momento molto difficile.

Devo andarmene per recarmi in ospedale dove prenderanno il mio midollo osseo e lo doneranno a mia figlia che sta per morire, non c’è nessun altro che la può aiutare”. L’avvocato dell’uomo, Valerio Vitali, ha difeso il gesto dell’uomo dichiarando che anche lui avrebbe fatto lo stesso. “Ha solo scelto di salvare sua figlia”, dice il legale. E questo non è certo un reato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...