Scarti d’autore a Roma

Cultura

Scarti d’autore a Roma

Vecchi fogli di giornale, rami spezzati, monete, bottiglie di plastica recuperate dai cestini e le forchette della nonna.Rifiuti trasformati in vere e proprie opere d’arte e oggetti di design che hanno il pregio di dare nuova vita a cio’ che gli altri buttano via. L’idea e’ de LeArtigiane.it, progetto di Livia Carchella e Bruna Pietropaoli, che festeggiano sette anni di ”Scarti d’autore” con la mostra romana che fino al 4 marzo raccogliera’ le opere di riciclo di quaranta artigiane da tutta Italia.

Il risultato e’ un percorso espositivo fantasioso e colorato, ma anche un viaggio nel mondo dei rifiuti e tra gli oggetti abbandonati che puo’ essere fonte d’ispirazione per capire come dare una seconda vita alle cose piu’ impensate e pensarci due volte prima di gettarle via, con tutte le conseguenze negative che questo ha sull’ambiente. Il segreto e’: raccogliere, mettere da parte e poi riassemblare con fantasia.

Qualche esempio? I vecchi dischi in vinile possono trasformarsi in originali borse e gli ingombranti telefoni di una volta (il celebre bigrigio con il ‘disco combinatore’ per comporre i numeri, tutti ne abbiamo avuto uno) si prestano davvero a bene a diventare bellissime lampade.

E poi i bicchieri nati dalle bottiglie di vino e birra, tavoli e sedie realizzati con la plastica dei frigoriferi dismessi, anelli ed orecchini che utilizzano i materiali piu’ diversi. La mostra e’ allestita nello spazio espositivo in via di Torre Argentina 72, dove LeArtigiane.it organizzano non solo mostre, personali e collettive, ma anche sfilate, presentazioni di libri e corsi di riciclo creativo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

pillar-capitals-2367488_960_720
Storia

I tre ordini architettonici greci

22 agosto 2017 di Notizie
Gli ordini architettonici  sono la più grande invenzione introdotta dai Greci nell'arte della costruzione. Tale invenzione risponde principalmente all'esigenza di eliminare qualsiasi forma di casualità nella realizzazione di un edificio.