Scarti d’autore a Roma COMMENTA  

Scarti d’autore a Roma COMMENTA  

Vecchi fogli di giornale, rami spezzati, monete, bottiglie di plastica recuperate dai cestini e le forchette della nonna.Rifiuti trasformati in vere e proprie opere d’arte e oggetti di design che hanno il pregio di dare nuova vita a cio’ che gli altri buttano via.  L’idea e’ de LeArtigiane.it, progetto di Livia Carchella e Bruna Pietropaoli, che festeggiano sette anni di ”Scarti d’autore” con la mostra romana che fino al 4 marzo raccogliera’ le opere di riciclo di quaranta artigiane da tutta Italia.

Leggi anche: Addio al “re degli abissi”. Si è spento Enzo Maiorca a 85 anni


Il risultato e’ un percorso espositivo fantasioso e colorato, ma anche un viaggio nel mondo dei rifiuti e tra gli oggetti abbandonati che puo’ essere fonte d’ispirazione per capire come dare una seconda vita alle cose piu’ impensate e pensarci due volte prima di gettarle via, con tutte le conseguenze negative che questo ha sull’ambiente. Il segreto e’: raccogliere, mettere da parte e poi riassemblare con fantasia. Qualche esempio? I vecchi dischi in vinile possono trasformarsi in originali borse e gli ingombranti telefoni di una volta (il celebre bigrigio con il ‘disco combinatore’ per comporre i numeri, tutti ne abbiamo avuto uno) si prestano davvero a bene a diventare bellissime lampade.

Leggi anche: Agosto al Parco Montanelli: relax e divertimento al “Paradise Lost”


E poi i bicchieri nati dalle bottiglie di vino e birra, tavoli e sedie realizzati con la plastica dei frigoriferi dismessi, anelli ed orecchini che utilizzano i materiali piu’ diversi. La mostra e’ allestita nello spazio espositivo in via di Torre Argentina 72, dove LeArtigiane.it organizzano non solo mostre, personali e collettive, ma anche sfilate, presentazioni di libri e corsi di riciclo creativo.


Leggi anche

San Nicola Bari: vita e miracoli
Cultura

San Nicola Bari: vita e miracoli

Figura centrale nel campo dell'agiografia, San Nicola di Bari è uno dei santi più amati al mondo e il più importante tra X e XIII sec. Miracoli San Nicola di Bari nasce a Pàtara tra il 261 e il 280. Cresce all'interno del Cristianesimo e perde molto presto i genitori, ereditandone un cospicuo patrimonio. La sua natura caritatevole lo porterà a regalare ai poveri parte di questo e sarà anche all'origine del mito di Santa Claus. Nicola si trasferisce poi a Myra, dove diventa sacerdote e poi vescovo, alla morte del metropolita della città. Nel 305, durante le persecuzioni di Diocleziano, Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*