Scherzi a parte i 5 scherzi più divertenti

Scherzi a parte i 5 scherzi più divertenti

Scherzi a parte
Scherzi a parte: gli scherzi più divertenti

Ricordate “Scherzi a parte”? Quante risate… ma delle tante edizioni andate in onda quali sono gli scherzi che vi sono rimasti impressi?

Dal 1992 al 2015. Oltre un ventennio di successi, pur con alti e bassi. Stiamo parlano di uno dei programmi televisivi, targati Mediaset, capaci di farci ridere a crepapelle. Ha vissuto, negli anni, profonde rivisitazioni in termini di forma e presentatori, ma la sostanza era sempre quella: mettere alla prova i VIP più amati con scherzi talvolta incredibili.

Momenti esilaranti, magari un po’ meno per i protagonisti. Non mancavano momenti di tensione e quante volte ci siamo chiesti: “ma è tutto vero?”. Poco importava. L’aspetto più importante era un altro: passare un paio d’ore in spensieratezza, scordandoci delle fatiche e dei mille problemi giornalieri. Ma quali sono gli scherzi più amati di sempre? In giro per la rete ci sono classifiche di varia natura, noi vogliamo provare a rinfrescarvi la memoria con la top 5.

Il primo che ci viene in mente è quello che fu fatto a Gattuso, rinchiuso all’interno della propria auto con un cane infuriato. E come scordarsi di Leo Gullotta, alle prese con una tigre che bloccava l’uscita del parcheggio? Altro protagonista sportivo l’ex portiere nerazzurro Julio Cesar, alla prese con tre inglesi che parlavano una lingua a dir poco incomprensibile. Altro scherzo esilarante fu quello fatto a Nino Manfredi, che avvicinato da degli sconosciuti fu quasi convinto di aver perso la memoria (gli vennero raccontati episodi che lo riguardavano a lui sconosciuti). Memorabile anche lo scherzo a Mariano Apicella: condotto alla finestra di una donna per cantare una serenata, viene rapito e portato dal padre della ragazza – un boss – che minaccia di bruciarlo vivo.

Sono solo alcuni delle burle più esilaranti andate in onda. In attesa che una nuova serie ci dia altro materiale da inserire in archivio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...