Sciopero 28 gennaio : comunicati stampa Ataf e Comune di Firenze - Notizie.it

Sciopero 28 gennaio : comunicati stampa Ataf e Comune di Firenze

Firenze

Sciopero 28 gennaio : comunicati stampa Ataf e Comune di Firenze


Nonostante alle ore 18 di oggi, giorno che precede lo sciopero generale di tutte le categorie del lavoro dipendente pubblico e privato, ancora non si avesse notizie dagli organi ufficiali, ecco i comunicati stampa pervenuti da “Ataf” e “Comune di Firenze” in serata:

Ataf comunica quindi che :
“a causa di una manifestazione con corteo, le linee Ataf potranno subire deviazioni e rallentamenti impossibili da comunicare con anticipo ai passeggeri.
Secondo quanto hanno comunicato gli organizzatori, il corteo dovrebbe svolgersi dalle 9,30 alle 12,30 circa, con il seguente percorso: Santissima Annunziata, San Marco, Cavour, Duomo, Stazione, Scala, Belfiore, Redi, Corsica, Ponte di mezzo, Guidoni, Polo Universitario di Novoli.
Ataf esprime rammarico per i disagi che inevitabilmente si ripercuoteranno sulle esigenze di mobilità degli utenti. “

Comune di Firenze si esprime invece così:
“Giornata di sciopero venerdì 28 gennaio: oltre ai metalmeccanici della Cgil, i Cobas hanno proclamato l’astensione dal lavoro di tutte le categorie del lavoro dipendente pubblico e privato (ad eccezione dei trasporti urbani), comprese scuola e Università.

Saranno dunque possibili disagi negli uffici comunali, in particolare ai cimiteri che potrebbero rimanere chiusi al pubblico; rimarrano aperte regolarmente le Nuove Cappelle del Commiato e sarà garantito il servizio di deposito per attesa cremazione al cimitero di Trespiano. I Cobas hanno previsto una manifestazione con corteo che partirà alle 9 da piazza San Marco. “

Oltre ai trasporti, quindi, anche uffici comunali e cimiteri potrebbero subire variazioni nei servizi.
Discutibile in ogni caso il rammarico espresso da Ataf, dato che i disagi saranno probabili grazie alla mancanza di
informazione da parte della società stessa sulle possibili conseguenze dello sciopero. Sciopero peraltro ignorato da ogni singola testata giornalistica cartacea e televisiva a carattere nazionale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*