Scippano una ragazza di 25 anni: arrestati due nordafricani

Bari

Scippano una ragazza di 25 anni: arrestati due nordafricani

Scippano

Due nordafricani, non in regola con i permessi di soggiorno, hanno scippato una ragazza di 25 anni in largo Adua a Bari, intorno all’1 di questa notte. Sono stati arrestati dalla polizia.

I giovani immigrati di 29 e 28 anni avevano la stessa sera precedentemente tentato di rubare la borsa ad una ragazza all’interno di un locale in via Giuseppe Bozzi ma erano stati messi in fuga dal gestore e dai clienti.

I frequentatori del locale, dopo aver assistito alla scena, avevano anche provveduto a chiamare la polizia, giunti sul luogo gli agenti della squadra mobile hanno ascoltato la descrizione dei due immigrati fornita dai testimoni.

I due uomini nel frattempo si erano allontanati dal locale in cerca di un’altra vittima che hanno raggiunto nella via del quartiere Madonella, vicino il lungomare Araldo di Crollalanza, così le hanno sottratto la borsa e il cellulare per poi scappare.

Pochi metri più avanti, in via Abbrescia, i due sono stati intercettati dalla Polizia che li ha riconosciuti grazie alla descrizione precedentemente ascoltata.

Dopo aver visto la Volante e gli agenti i due hanno cercato di disfarsi della refurtiva e scappare ma sono stati raggiunti in poco tempo dalle forze dell’ordine che hanno provveduto all’arresto e al trasferimento nel carcere di Bari.

La borsa è stata recuperata poco più avanti mentre grazie alla perquisizione è stato possibile recuperare il cellulare.

Gli accertamenti effettuati in seguito hanno permesso di accertare che tutta la refurtiva che è stata recuperata apparteneva alla 25enne che aveva subito lo scippo vicino il lungomare.

Dai controlli effettuati è emerso che i due, un tunisino e un marocchino, risultano incensurati ma non sono in regola con i documenti che permettono a cittadini extracomunitari di soggiornare sul territorio nazionale.

I due sono ritenuti responsabili e dovranno rispondere all’accusa di furto aggravato in concorso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche