Scoperta cellula Isis dall’Italia alla Siria COMMENTA  

Scoperta cellula Isis dall’Italia alla Siria COMMENTA  

1Isis. Sono stati arrestati due Albanesi e un Italiano che aveva origini Marocchine, proprio quest’ultimo è stato ritenuto l’autore del documento diffuso online sullo stato Islamico. I reati che sono stati contestati ai tre arrestati sono: Reclutamento con finalità di terrorismo e delitti di terrorismo aggravando il tutto dall’uso di internet. Uno dei tre arrestati è stato anche definito come l’autore del primo documento del Isis con lingua Italiana che è stato poi diffuso in rete con il titolo di “Stato Islamico, una realtà che vuole comunicare”. Colui che ha diffuso il video, si tratta di un Italiano di 20 anni con origine marocchina che viveva nella provincia di Torino. Mentre gli altri due che sono finiti in manette sono Albanesi e appartengono alla stessa famiglia. Il primo è stato fermato ed arrestato in Albania, mentre l’altro in provincia di Torino.

Leggi anche: Valbona Berisha: combattente dell’Isis in Siria ricercata per terrorismo internazionale


Italia, Isis. Inoltre anche altre due persone sono state indagate per terrorismo, entrambe di origine marocchina che sono stati fermati ad Alpignano e si tratta di un ragazzo e una ragazza che erano solo simpatizzanti del Isis. L’indagine che si svolge nel nostro paese anche denominata “Balkan Connection” ha smascherato uno dei modelli di reclutamento e insegnamento che fa partire dall’Italia aspiranti Jihadisti in Siria per poi successivamente arruolarsi nelle fila dei miliziani del Califfato. A quanto pare questo fenomeno ha già visto partire dalle nostre terre ben sessanta tre persone. Secondo le indagini che sono state condotte pare proprio che i due Albanesi avessero trovato un affiliato che voleva andare in Siria.

Leggi anche: Isis: possibili attentati a New York 24 novembre 2016


Jihadisti, Isis. Pare proprio che l’italiano che voleva andare in Siria sia un Italo-Tunisino residente nella provincia di Como, al momento pare che quando sia stato avvicinato era ancora minorenne.

A quanto pare anche se inizialmente il prescelto opponga delle resistenze, i reclutatori riescono poi man mano ad avvicinarlo allo Stato Islamico ed alle ragioni per cui avvengono gli attentati.

L'articolo prosegue subito dopo

Al momento pare che il questore di Brescia abbia dato ordine di annullare i documenti per l’espatrio del giovane.

Leggi anche

Khakassia meteorite
News

Khakassia: esplode un meteorite gigante

Un vero spettacolo quello avvenuto in Repubblica di Khakassia,  Siberia sud-ovest: una  grande palla di fuoco esplode nel cielo e lo illumina a giorno Una meteorite gigante illumina il cielo  a giorno. Incredibile ma vero. "In un primo momento, non riuscivo a capire cosa stava succedendo. C'era una luminescenza improvvisa quasi come fosse giorno". Così racconta una delle tante testimoni,   Olga Sagalakova . "Abbiamo seguito la luce con lo sguardo e proprio sopra la  montagna vicino a noi ... c'era enorme meteora che volava. La meteora aveva una coda. Francamente, ero spaventata. Ho pensato che fosse una bomba ". Panico paura e stupore per questo evento straordinario Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*