Scoperti finti poveri a Firenze COMMENTA  

Scoperti finti poveri a Firenze COMMENTA  

Guardia di Finanza
Guardia di Finanza

La Guardia di Finanza ha scoperto diversi finti poveri a Firenze, che hanno evaso le tasse per oltre 2 milioni di euro.

Durante regolari operazioni di verifica e controllo, partite anche da segnalazioni, la Guardia di Finanza ha scoperto diverse irregolarità in alcuni soggetti investigati.

Leggi anche: Renzi inaugura la Variante di valico: ‘Finalmente è arrivato il gran giorno’


Ad esempio è stato scoperto un costruttore edile sconosciuto al fisco, la cui moglie ha ottenuto agevolazioni fiscali senza averne diritto, oppure un idraulico proprietario di un fuoristrada da 40 mila euro con una dichiarazione dei redditi da 8 mila euro, o come un agente di commercio con una dichiarazione da 22 mila euro, ma diversi immobili di prestigio di proprietà ad Empoli.

Leggi anche: Meningite Toscana: nessun nesso con la presenza di immigrati


E ancora un cittadino tedesco residente a Firenze fino al 2010 proprietario di una BMW X5 che appare senza redditi dichiarati, pur avendo lavorato nel campo dell’intermediazione e ristrutturazione immobiliare per una società estera.


I controlli sono scattati per segnalazioni inviate all’Agenzia dell’Entrate quando sono stati riscontrati degli stati patrimoniali incongruenti con le dichiarazioni dei redditi dei soggetti esaminati. Tutte le verifiche rientrano all’interno dell’operazione “Progetto Perseo”, operazione a livello nazionale per combattere l’evasione fiscale.

L'articolo prosegue subito dopo


Sono stati 42 i soggetti verificati, di cui 37 privati non imprenditori e 5 imprese nella provincia di Firenze. E’ stato calcolato che siano stati evasi oltre 2 milioni di euro, che hanno portato ad un totale di 735 mila euro le sanzioni erogate per i reati contestati.

Leggi anche

Truffa agli anziani. Si vestono da finanzieri: "Dobbiamo perquisire casa"
Firenze

Truffa agli anziani. Si vestono da finanzieri: “Dobbiamo perquisire casa”

Si sono presentati in una casa di Grassina alle 5,45 del mattino da una coppia di ottantenni. Il procuratore: "Chiedete sempre di vedere il mandato di perquisizione" Anziani nel mirino delle truffe. Ma c’è una nuova frontiera nel losco settore delle truffe agli anziani. Ed  un nuovo grande allarme. Dopo i periodi dei falsi esattori, dei falsi tecnici Enel e Telecom e dei falsi avvocati, ora alcuni truffatori si sono travestiti da finanzieri ed hanno simulato delle perquisizioni per derubare le coppie di anziani. E’ accaduto  già due volte a poche ore di distanza il 14 ottobre scorso. Su entrambi Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*