Scoperto in Ungheria il nazista più ricercato al mondo COMMENTA  

Scoperto in Ungheria il nazista più ricercato al mondo COMMENTA  

Si chiama  László Csizsik-Csatáry e a prima vista potrebbe sembrare un innocuo vecchietto di ben 97. In realtà, si tratta del criminale nazista più ricercato al mondo secondo il Centro Simon Wiesenthal, l’organizzazione che prende il nome dal più grande cacciatore di criminali di guerra nazisti della storia.


Sono stati i cronisti del Sun, Brian Flynn e Ryan Parry, ad individuarlo in Ungheria, a Budapest, e ne ha dato conferma il direttore del Centro, Efraim Zuroff, per il quale non c’è alcun dubbio che si tratti proprio di lui.


Alla fine della guerra, venne condannato a morte in contumacia da un tribunale dell’allora esistente Cecoslovacchia.

Csatàry ricoprì il ruolo di Capo della Polizia Reale della città di Kosice,  oggi slovacca, ma allora appartenente all’ Ungheria col nome di Kassa, e fu uno dei massimi artefici nell’estate del 1941 della deportazione di 300 ebrei in Ucraina, dove furono uccisi. È anche ritenuto uno degli organizzatori della deportazione, nel 1944, di quasi 16mila ebrei nel campo di concentramento di Auschwitz, dove esercitò la sua autorità in maniera brutale.


Dopo la caduta del nazismo, Csatàry riuscì a fuggire, rifugiandosi in Canada, mentendo sulla sua nazionalità e dichiarando di essere jugoslavo. Visse a Toronto, facendo il commerciante d’arte, fino al 1997, finché non venne scoperto il suo inganno e la sua cittadinanza canadese revocata. Il nazista, però, si dileguò nuovamente e non se ne seppe più nulla. Nel settembre del 2011, però, il Centro Simon Wiesenthal diede al Sun le informazioni che hanno portato, quasi un anno dopo, a questo scoop.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*