Scrittori: in memoria di Guglielmo Petroni COMMENTA  

Scrittori: in memoria di Guglielmo Petroni COMMENTA  

Lucca – Ieri, Lunedì 19 dicembre 2011, è stato celebrato il centesimo anniversario della nascita dello scrittore Guglielmo Petroni. Un vero e proprio evento per la città che, in suo onone, ha indetto una vera e propria giornata commemorativa, coronata dalla seconda pubblicazione del libro “Il cielo senza sole” (Narrativa Bonaccorso), romanzo di formazione di Beppe Calabretta che contiene una lettera autografa dello stesso Petroni.

Leggi anche: Un libro da regalare a Natale: Galveston di Nic Pizzolatto


Il libro

“Il cielo senza sole” narra le vicende di Normale, un giovane contadino che vive nell’Italia del Dopoguerra, un periodo storico poco caro alla letteratura, notoriamente pìù interessata ai precedenti conflitti mondiali. La scelta del nome – Normale – per quanto insolita, è tutt’altro che insensata; nel protagonista si condensano le abitudini, gli usi e costumi della maggior parte del popolo italiano, e la sua presenza mira a rappresentare le caratteristiche di una persona qualunque. Una persona normale, per l’appunto.

Leggi anche: Titolo nuovo libro Roberto Saviano


L’evento

Domani, Mercoledì 21 dicembre, il romanzo di Beppe Calabretta sarà presentato al pubblico nel Palazzo Ducale – Sala Accademia I – di Lucca. Per l’occasione sarà indetto un incontro culturale in memoria di Guglielmo Petroni al quale aderiranno anche ospiti d’eccezione come il presidente della Provincia Stefano Bocelli, lo scrittore Luciano Luciani, autore della postfazione de “Il cielo senza sole” e la giornalista Francesca Caminoli.


Filippo Munaro

 

 

Leggi anche

Cultura

Genova, Open day all’Antica Confetteria Pietro Romanengo

Genova, Open day all'Antica Confetteria Pietro Romanengo: alla scoperta dell'antica tradizione arigianale della confetteria più antica d'Italia Un’occasione unica da non perdere, un Open Day all’insegna dell’Eccellenza genovese: ieri sabato 3 Dicembre l’antica Confetteria Romanengo ha aperto straordinariamente le porte della propria fabbrica, ubicata in Viale Mojon 1, dalle ore 10.00 alle ore 18.00 per mostrare al pubblico dal vivo le lavorazioni e i prodotti di eccellenza dell'arte confetteria genovese. E’ stata un’occasione unica ed indimenticabile, un unicum italiano da difendere e promuovere, in cui acquistare delizie create come duecent'anni fa. Dal 1780 la confetteria Pietro Romanengo, fondata da Antonio Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*