Scuola : manifestazioni in 27 Paeso COMMENTA  

TV di NOTIZIE.IT

Scuola : manifestazioni in 27 Paeso COMMENTA  

Ieri ben 27 paesi dell’Unione europea hanno aderito allo sciopero nazionale indetto per protestare contro i tagli nel settore scolastico e contro i metodi liberisti imposti dalla finanza che sta portando i paesi nel baratro della crisi più profonda, senza tra l’altro far lasciare presagire orizzonti sereni. In Spagna, Portogallo e Italia, paesi particolarmente “caldi” in cui la minaccia del debito pende come una spada di Damocle,le manifestazioni si sono trasformate in “riots” culminate con le solite manganellate indiscriminate  delle forze dell’ordine a danno di chiunque, oltre che al lancio di fumogeni e bombe carta che hanno paralizzato il traffico all’altezza di Via Giulia e Ponte Garibaldi, il tutto condito dalla vista del Fiume Tevere tanto ingrossato da creare una certa allerta nella popolazione.


La situazione ha cominciato a degenerare verso le 14, a fine manifestazione, quando un gruppo di ragazzi ha cominciato ad indossare casco, bandane e scudi di cartone per difendersi dalle Forze armate, dando origine ai disordini .Da quel momento è stato il caos, ma nessuno avrebbe mai immaginato l’accanimento dei militari contro minorenni, per quanto potessero apparire “minacciosi”.

A Torino, Bologna, Milano, Brescia, Genova e Padova ci sono stati parecchi feriti tra i militari, che pare non erano stati informati, stando a fonti ufficiali, dell’assalto studentesco, mentre a Napoli, circa 300 giovani con cartelloni e astriscioni vari hanno bloccato la stazione centralentes:  “Vogliamo difendere la scuola pubblica, non volgiamo che ogni studente sia una unità isolata che si limita a ricevere l’educazione senza dire nulla”. A fine giornata  si sono registrati una sessantina di fermi e tre arresti

A Roma si è assistito ad un pullulare un pò disorganizzato di cortei indipendenti, a detta dei partecipanti:  non si è avuto un nucleo centrale coordinatore dell’iniziativa,  ma diversi focolai sparsi promossi da associazioni sindacali di varia natura, associazioni di categoria e poche entità politiche a supportare l’azione.


in tutte le piazze capitoline Fiom, Federazione della Sinistra unita, Alba e pochi altri soggetti hanno provveduto a raccogliere firme per la campagna referendaria contro l’abolizione dell’art. 18 e riforma delle pensioni, punto focale della lotta sociale di questi tempi che tanto scalda gli animi dei lavoratori.


Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*