Scuola: arriva il mega concorso! - Notizie.it
Scuola: arriva il mega concorso!
Roma

Scuola: arriva il mega concorso!

Dopo 13 anni il Consiglio dei ministri ha indetto un nuovo astruso concorso per i docenti scolastici, con la promessa di utilizzare criteri “innovativi” per agevolare l’ingresso nel mondo della scuola a insegnanti giovani e meritevoli. La pubblicazione del bando è prevista per il 24 settembre per un totale di 11.892 cattedre vacanti da riempire; altrettante saranno messe a disposizione dal Miur attingendo dalle attuali graduatorie. Dato il folto numero dei candidati , nel mese di ottobre si terrà una prma selezione, su una batteria di test uguale per tutte le classi di concorso, mentre a gennaio si svolgeranno gli orali. Un secondo bando si avrà entro maggio 2013. Sempre in vena di novità post vacanziere, il Cdm ha approvato quattro decreti presidenziali che prevedono l’assunzione di circa 22.000 persone entro il 31 agosto prossimo, per l’anno scolastico 2012/2013, a tempo indeterminato. Si tratterà di dirigenti scolastici, personale docente, personale tecnico-amministrativo e direttori amministrativi.

Il Cdm ha autorizzato inoltre il Miur ad assumere 60 docenti di prima e seconda fascia per le Accademie e i Conservatori di musica, che rispondano al fabbisogno del sistema della formazione artistica, musicale e coreutica , oltre all’aggiunta di 280 unità di personale tecnico-amministrativo e tre unità di direttore amministrativo.

Ci saranno novità anche sul sistema della valutazione. Il decreto tocca “l’istituzione e la disciplina del Sistema nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione delle istituzioni scolastiche e formative, comprese le scuole paritarie”. La valutazione sarà competenza di tre istituzioni: l’Invalsi (l’Istituto nazionale per la valutazione del sistema di istruzione e formazione), che coordina; l’Indire (l’Istituto nazionale di documentazione, innovazione e ricerca educativa), che cura il miglioramento scolastico e gli ispettori. Ma il fulcro sostanziale della riforma consiste nell’autovalutazione delle scuole, ottenuta grazie ai dati forniti dal sistema informativo del Miur, dall’Invalsi e dalle stesse scuole.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche