Scuola Saffi Carrara: cancello di ferro si abbatte su scolaresca

Scuola Saffi di Carrara: cancello di ferro si abbatte su una scolaresca

News

Scuola Saffi di Carrara: cancello di ferro si abbatte su una scolaresca

Incidente scuola Saffi Carrara

Due bambini feriti per la caduta di un cancello di ferro nei pressi della Scuola Saffi di Carrara

Si è sfiorata la tragedia alla scuola Saffi di Carrara, dove l’anta di un pesante cancello di ferro si è staccata abbattendosi su due bambini. La pesante struttura ha centrato in pieno uno dei due bambini al capo, colpendolo di striscio. Il piccolo scolaro è stato ricoverato per il trauma alla testa ma non verserebbe, per fortuna, in condizioni tali da farne temere l’incolumità.

Un altro bambino è stato colpito ad un dito ma avrebbe riportato solo una lesione lieve guaribile in pochi giorni. Il fatto sarebbe accaduto attorno alle ore 13 di mercoledi mentre una scolaresca stava per uscire dal sottopassaggio che conduce alla piazza collocata all’esterno della struttura. Una delle due ante del pesante cancello di ferro si è distaccata causando un danno limitato, ma il bilancio poteva essere ben più pesante.

La scuola Saffi, che è collocata in pieno centro a Carrara, ha una piazza antistante dove i bambini si radunano al termine delle lezioni per essere prelevati dai genitori.
Al momento dell’uscita dal sottopassaggio il cancello sarebbe rimasto chiuso per difetti già precedentemente segnalati e mai rimossi.

Qualcuno ha forzato il cancello, staccando il cancello dal perno e causando la caduta su un gruppo di scolari. I soccorsi sono arrivati immediatamente e l’area è stata subito evacuata per consentire ai tecnici di potere effettuare i dovuti accertamenti relativi alla dinamica dell’incidente.

La dirigente scolastica della scuola Saffi, Luciana Ceccarelli, ai cronisti, ha ricordato di avere già segnalato i rischi derivanti dal cancello difettoso senza ottenere alcun riscontro. La stessa dirigente ha anche voluto rassicurare tutti sulla salute del bambino colpito al capo dal cancello di ferro, riferendo anche di essere sempre in contatto con i familiari per aggiornarsi sulle condizioni. ‘Il bambino era cosciente’ ha precisato la Ceccarelli, ‘il bimbo piangeva perchè era più spaventato dalle urla della madre che dal dolore per il colpo subito’.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche