Scuola, sentenza choc: alla maturità si può copiare

Attualità

Scuola, sentenza choc: alla maturità si può copiare

Il Consiglio di Stato stupisce il mondo della scuola per una delle ultime sentenze emesse, e che riguarda il caso di una studentessa della Campania che era stata sospesa durante le prove della maturità perché aveva cercato le risposte alle domande di esame consultando il cellulare. La giovane ha fatto ricorso al Tar della Campania ma era stato rigettato. Convinta di avere ragione, la studentessa ha continuato il grado di giudizio fino ad arrivare al Consiglio di Stato, il cui verdetto è stato positivo nei suoi confronti.

Secondo la motivazione addotta dai giudici del Consiglio di Stato, alla ragazza in questione poteva essere concesso di copiare perché durante il percorso scolastico aveva sempre preso buoni voti. La copiatura, in questo particolare caso, potrebbe essere stata dettata da un generale stato di ansia riconducibili forse a problemi di salute documentabili dal dirigente scolastico.

In poche parole, da quello che si evince nella sentenza del Consiglio di Stato (che ha già suscitato varie polemiche) essere studenti modelli consente di poter copiare agli esami, mentre gli altri devono arrangiarsi.

Sembra un tantino ingiusto, non vi sembra?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche