Scusa sono in riunione, ti posso richiamare? COMMENTA  

Scusa sono in riunione, ti posso richiamare? COMMENTA  

Torna  al Teatro Italia dal 29 dicembre 2011 la commedia di Gabriele Pignotta “Scusa sono in riunione, ti posso richiamare?“. Uno spettacolo che punta l’accento sullo stress e la super vita impegnata di ciascuno di noi, alienati dal ritmo incalzante degli affari quotidiani. E il 31 gennaio doppio spettacolo: alle 19.45 per aspettare capodanno e alle 22.45 per brindare insieme al nuovo anno con spumante e dolci tipici.

Leggi anche: Ruota dell’Eur: dopo 8 anni torna a illuminarsi


Si racconta di cinque ex compagni di università che hanno deciso di puntare tutto sulla carriera, accorgendosi ben presto di essere finiti nel frullatore di una esistenza troppo stressante che gli impedisce di essere realmente felici. Non fanno che correre da un impegno all’altro, non hanno mai tempo per nessuno e l’unica cosa che sanno rispondere è il tormentone dei tempi moderni: Scusa sono in riunione, ti posso richiamare? Improvvisamente però, nel bel mezzo della loro frenetica vita, ricevono una telefonata misteriosa che li porterà a reincontrarsi dopo 10 anni e a trascorrere alcuni giorni insieme. Colpo di scena finale, con sorpresa che travolgerà i protagonisti in rocambolesche avventure.

Leggi anche: Calciomercato: quando inizia la sessione invernale e quando finisce


Note di Regia: Dopo il successo di “Una Notte Bianca” avevo due obbiettivi da raggiungere con la mia nuova commedia: soddisfare le aspettative del pubblico e della critica, dimostrando la mia maturità drammaturgica e registica, nonché attoriale, mantenendo quella freschezza che contraddistingue il mio modo di scrivere e di concepire uno spettacolo. Un impegno arduo ma allo stesso tempo molto stimolante, per il quale ora non mi resta che attendere il giudizio di chi lo verrà a vedere.

Per quanto riguarda lo stile ho cercato di mantenere quella “comicità elegante e dal ritmo coinvolgente” che qualche critico ha sottolineato, in una delle recensioni di “Una notte bianca”. Queste caratteristiche di stile sono quelle che perseguo nei miei spettacoli, e per questa nuova commedia ho puntato ancora di più sulla storia ben architettata, piena di suspense e ribaltamenti di scena, per coinvolgere maggiormente il pubblico. Anche “Scusa…” parte dal racconto di una generazione, quella dei 35enni di oggi alle prese con le loro crisi interiori, virando improvvisamente in una commedia degli equivoci e dei fraintendimenti da giallo comico.

L'articolo prosegue subito dopo

Dal 29 dicembre 2011 al 22 gennaio 2012 al Teatro Italia di Roma
Teatro Italia
via Bari 18 Roma | tel. 06 44.23.92.86 | italia.teatro@libero.it

Leggi anche

babbo-natale
Cultura

Babbo Natale esiste o no

Ci sono ancora bambini che credono a Babbo Natale e attendono con ansia di ricevere i suoi doni a Natale. Ma quanto c'è di reale in questo personaggio? La maggior parte dei genitori si sente rivolgere la fatidica domanda “Babbo Natale esiste o no?” dai propri figli appena riescono a percepire la realtà distinguendola dalla fantasia. Per alcuni questo momento arriva presto (fra i 3 e i 9 anni), per altri si prolunga un po’. Una cosa è certa: nell’immaginario collettivo dei più piccoli il personaggio di Babbo Natale ha persino soppiantato Gesù Bambino. Per i bimbi in tenera età Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*