Femminicidio: Muore a 26 anni, uccisa dal suo ex fidanzato COMMENTA  

Femminicidio: Muore a 26 anni, uccisa dal suo ex fidanzato COMMENTA  

se non ora quandoSale a 56 il numero delle donne ammazzate quest’anno. Si tratta di una ragazza di nazionalità domenicana accoltellata, durante una lite, dal suo ex fidanzato in un albergo di Vicenza. L’uomo è stato arrestato dai carabinieri dopo essere stato individuato tramite il suo cellulare.

Leggi anche: Terribilmente sfigurata dall’ex: l’uomo ha minacciato la donna anche durante la fuga

Tante, troppe le vittime di un fenomeno allarmante che, negli ultimi giorni, è giunto alla ribalta della cronaca come “femminicidio”. Il ministro Cancellieri ha firmato l’appello del movimento “Se non ora quando” al fine di promuovere la lotta contro la violenza sulle donne. Finalmente qualcosa si muove per limitare delitti, che spesso si consumano nell’universo più subdolo ed omertoso possibile: le mura domestiche. La casa, il rifugio fondamentale di ogni essere umano fa spesso da sfondo a violenze impensabili ai danni di donne troppo fragili o troppo fiduciose che il proprio compagno, genitore cambi, migliori, si calmi.

Leggi anche: Giovane ragazza decapitata: sospetti su un vicino

Quante donne non denunciano? Quante subiscono maltrattamenti e tacciono fino a perdere la vita? L’elenco è interminabile e la sua stesura parte da lontano. Il più recente riguarda Vanessa Scialfa, uccisa a vent’anni dal fidanzato perchè per errore l’avrebbe chiamato col nome del suo ex fidanzato. Si può morire per una banalità del genere? Ma lui faceva uso di droga come se fosse un’attenuante, un’autorizzazione ad uccidere.

Assolto negli stessi giorni Raniero Busco, fidanzato di Simonetta Cesaroni, uccisa con 29 coltellate nel delitto di Via Poma. Al momento del ritrovamento il suo corpo era devastato.

L'articolo prosegue subito dopo

I primi sospetti caddero sul portiere del palazzo poi suicidatosi in circostanze poco chiare. Ad oggi non esiste un colpevole e neanche un movente!

E’ trascorso più di un anno dall’omicidio di Melania Rea, uccisa forse da Salvatore Parolisi, suo marito e padre di sua figlia. E’ possibile che la mente umana arrivi a tanto?  D’altra parte se non ora…quando è troppo tardi ci rendiamo conto che nell’uomo c’è spesso una specie di mostro o di inetto, che per paura della personalità femminile decide di l’annientarla definitivamente!

Se non ora…quando ci sarà giustizia per quelle ragazze, assalite da un orco sconosciuto o da orchi presunti? Meredith Kercher, Sara Scazzi, Yara Gambirasio. Indagini, rilievi, accertamenti, incidenti probatori, ricostruzioni, prove regine introvabili, processi mediatici e nessun colpevole certo! Queste sono le donne di cui si è parlato di più! Ci sono poi quelle, che pochi conoscono nonostante siano anni che la trasmissione “Amore criminale” provi a dare risonanza al “femminicidio”, fenomeno finora gestito con eccessiva approssimazione e, quando una donna o qualsiasi essere umano muore, nessuno può permettersi d’esser distratto!

Leggi anche

Ryanair
Napoli

Ryanair a Napoli Capodichino: 17 collegamenti low cost

Ryanair ha scelto di raggiungere Napoli. A partire dal prossimo marzo, dal capoluogo campano ci saranno ben 17 rotte a basso costo. La compagnia irlandese di volo Ryanair ha deciso di fare scalo anche a Napoli. A partire dalla fine del mese di marzo 2017, la città partenopea sarà partenza e arrivo di ben 17 rotte supplementari. Il capoluogo campano sarà la sede della sedicesima base italiana con la quale collaborerà Ryanair. Ovviamente, ogni volo farà scalo presso l'Aeroporto Internazionale di Capodichino. Napoli ospitava già i velivoli appartenenti all'azienda Easyjet. Al tempo stesso, i cittadini che volevano partire con gli aerei irlandesi dovevano recarsi prima a Roma o a Bari. Si tratta di una Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*