Segnali di ripresa dell’attività legislativa

Politica

Segnali di ripresa dell’attività legislativa

L’estate tarda ad arrivare, il livello idrometrico del fiume Po è salito di tre metri in 24 ore, l’allerta della protezione civile è su tutto il Piemonte. In alcune zone, una grandinata imprevista ha divelto coltivazioni orticole, compromettendo fortemente i bilanci delle imprese.


A livello di Nord Italia, in alcune zone si stima una perdita fino al 50% nel raccolto di mais e soia ed una forte compromissione della quantità di fieno che sta marcendo nei campi.

A livello generale, è comunque l’alimentare a salvare l’export del primo trimestre 2013, che secondo l’Istat cresce del 7 per cento in controtendenza rispetto all’andamento generale.

A far registrare i maggiori incrementi delle vendite all’estero, sono i prodotti simbolo del Made in Italy alimentare, come il vino con un +15 per cento, l’olio di oliva con un +14 per cento, l’ortofrutta e la pasta con un +10 per cento.

Si è concluso con soddisfazione di ambedue le parti l’incontro tra Sergio Marini, presidente di Coldiretti e il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Nunzia de Girolamo. Durante il confronto, sono state trattate le principali questioni riguardanti il comparto agroalimentare con un’attenzione particolare ad un nuovo modello di sviluppo per l’Italia, dove l’agricoltura e l’agroalimentare stanno trainando quel poco di ripresa che gli Istituti di Statistica stanno segnalando.

Dalla Camera dei Deputati è partito l’iter parlamentare per la proposta di legge sull’agricoltura sociale, dopo lo stop causato dalla fine della scorsa legislatura. Il testo riconosce giuridicamente la valenza sociale di determinate attività agricole, disciplinando i requisiti per gli operatori e per le strutture, istituendo presso i Ministeri competenti un Osservatorio nazionale.
Infine, la proposta di legge permette agli operatori dell’agricoltura sociale di costituire organizzazioni di produttori per ottenere interventi europei.
Una serie di segnali positivi che evidenziano la ripresa dell’attività politica necessaria all’agricoltura per superare questi complessi momenti economici.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...