Sempre più vergognosa la Questura di Padova: denunciati zia e nonno del bambino portato via da scuola

Cronaca

Sempre più vergognosa la Questura di Padova: denunciati zia e nonno del bambino portato via da scuola

Cittadella (Padova) – La vicenda del bambino trascinato via da scuola diventa sempre più squallida. Chiaro, se si attacca la polizia questa mena ancora più forte. Il nonno e la zia materna del ragazzino, “colpevole” di aver testimoniato con delle riprese video la brutalità degli agenti, sono stati segnalati dalla Questura di Padova alla magistratura per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale e inosservanza di un provvedimento dell’autorità giudiziaria. Intanto gli agenti coinvolti nella vicenda, nonostante sia in corso una doverosa inchiesta, obbligata sopratutto dal clamore mediatico della vicenda, continuano ad esercitare le loro funzioni. Sarebbe quantomeno opportuno relegare gli agenti coinvolti a mansioni d’ufficio avendo dimostrato di essere inadeguati a gestire determinate situazioni. L’augurio è che in strada vadano agenti più preparati.

2 Commenti su Sempre più vergognosa la Questura di Padova: denunciati zia e nonno del bambino portato via da scuola

  1. Il fatto è che la madre è stata giudicata non idonea all'educazione del bambino, quindi se tu hai l'ordine di consegnarlo al padre e ti ritrovi la madre e la sua famiglia che si oppongono cosa fareste? Sarebbe stato più giusto tirare due schiaffi alla madre è vero, ma mettetevi nei panni della polizia………..ipocriti privi di un senso logico siete.Vedete una madre che si dispera e subito il vostro "gran cuore" si schiera senza informarsi.

    • Tra l'altro queste situazioni di solito si protraggono per mesi se non anni, può non essere stato delicato il modo con cui il bambino è stato portato via, ma son propensa a pensare che era una situazione limite, che non poteva più continuare! e poi… diventiamo tutti giudici ed educatori per qualsiasi notizia accennata in tv!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche