Senato: le dichiarazioni di Bernabè COMMENTA  

Senato: le dichiarazioni di Bernabè COMMENTA  

Il presidente di Telecom Italia, i suoi amministratori indipendenti e i politici italiani hanno parlato mercoledì contro i piani sospetti degli alti azionisti di Telefonica per vendere alcune delle azioni di valore della società una volta che ne hanno assunto il controllo.


La critica diffusa è giunta il giorno dopo che Telefonica ha concluso un accordo con tre investitori di Telecom Italia per prenderne gradualmente il pieno controllo – unitamente ai redditizi patrimoni in Sud America – senza dover fare un’offerta agli altri azionisti.


Il Presidente italiano Giorgio Napolitano ha incontrato il Presidente di Telecom Italia Franco Bernabè, che ha gestito l’azienda dal 2008, e mercoledì ha affermato che l’opzione migliore era di raccogliere fondi da parte degli investitori per evitare un oneroso declassamento di affidabilità creditizia al “junk” status. La vendita di azioni potrebbe richiedere troppo tempo, ha aggiunto.


“C’è un sacco di liquidità, non ci sono le condizioni favorevoli per un aumento di capitale “, ha detto Bernabe al Senato italiano in un’udienza, aggiungendo che tale manovra potrebbe aprire a nuovi e reali investitori, senza specificare la quantità.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*