Sentenza Scazzi: legale Cosima contro i giudici COMMENTA  

Sentenza Scazzi: legale Cosima contro i giudici COMMENTA  

L'avvocato di Cosima Serrano Francesco De Jaco si reca all'udienza per l'omicidio di Sarah Scazzi al tribunale di Taranto, 27 febbraio 2015, ANSA/RENATO INGENITO

All’indomani della sentenza che ha condannato in via definitiva all’ergastolo la sua assistita per la morte di Sarah Scazzi, il legale di Cosima Serrano, zia della vittima, parla di “sentenza non chiara”. L’avvocato Franco De Jaco, che insieme al collega Luigi Rella difende la Serrano, afferma: “Resto convinto che quella di ieri sera sia una sentenza poco comprensibile. La prova che Cosima abbia contribuito all’omicidio non è stata minimamente raggiunta. E ora lei è disperata per il destino della figlia”. Sabrina Misseri, figlia di Cosima, è stata anch’essa condannata ieri in via definitiva all’ergastolo dalla Corte di Assise di appello di Taranto. Sarah Scazzi, 15enne di Avetrana, fu uccisa e buttata in un pozzo il 26 agosto del 2010. Michele Misseri, marito di Cosima e padre di Sabrina, in un primo tempo si era auto-accusato del delitto. In primo grado la Corte di Assise di Taranto gli aveva inflitto una pena di 8 anni di reclusione per concorso in soppressione di cadavere.

Leggi anche