Senza soldi e lavoro, uomo disperato vende un rene COMMENTA  

Senza soldi e lavoro, uomo disperato vende un rene COMMENTA  

Rimasto senza soldi, senza lavoro e senza alcuna speranza per il futuro, un uomo ha rilasciato una scioccante dichiarazione: è disposto a vendere un rene per poter comprare da mangiare alla famiglia. La notizia è stata pubblicata sulle pagine de Il Gazzettino: il protagonista della drammatica vicenda è Alessandro, un ex metalmeccanico manutentore di 54 anni rimasto a casa in seguito al fallimento dell’azienda nella quale lavorava, a Bergamo. La coppia, che vive in un comune della pedemontana pordenonese ha anche dei figli e deve andare avanti con il solo stipendio della moglie, 400 euro mensili.


“Siamo in cinque a dover mangiare e solo con i quattrocento euro mensili di mia moglie non ce la facciamo più – racconta Alessandro sulle pagine del giornale – È due anni che ho perso il lavoro e dopo aver venduto tutto l’oro e i gioielli di famiglia facciamo fatica a mangiare.

Ora è anche finito l’aiuto dei servizi sociali del Comune. Perciò ho deciso di vendere un rene al miglior offerente, solo così posso continuare a sfamare la mia famiglia”. E’ la moglie, che lavora in un’impresa che si occupa di pulizie negli uffici postali, a spiegare la difficile situazione famigliare: “da quindici giorni mangiamo bietole e uova solo grazie a qualche vicino che ha le galline e che ci dà una mano”. Per questo l’uomo ha deciso di lanciare il drammatico appello.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*