Serie A: impresa della Fiorentina, il Milan si butta via (1-2) COMMENTA  

Serie A: impresa della Fiorentina, il Milan si butta via (1-2) COMMENTA  

Il Milan si butta via. I rossoneri escono clamorosamente sconfitti in casa (secondo ko interno della stagione dopo il derby) per mano della Fiorentina mettendo a serio rischio la conquista dello scudetto: tre giorni dopo l’eliminazione dalla Champions quindi la squadra di Allegri conosce un’altra delusione ma ben più cocente soprattutto per i risvolti che potrebbe avere sulle ultime sette partite di campionato. Stanchezza, nervosismo e tensioni interne: tanti i motivi alla base di quella che è stata sicuramente una prestazione deludente. Certo i tanti infortuni subiti in stagione hanno costretto Allegri a riproporre spesso sempre lo stesso undici ed il resto l’hanno fatto le tante partite e le congiunture del momento, perché scendere in campo appena settantadue ore dopo la battaglia del Camp Nou ha finito per nuocere, e così sarà anche martedì sera in casa del Chievo. Si prenda il centrocampo: Ambrosini gioca ormai ininterrottamente da quaranta giorni in tutte le competizioni e Nocerino fa lo stesso da inizio stagione. Il logoramento è inevitabile. Al resto c’ha pensato la buona giornata della Fiorentina: i viola tirano fuori una prestazione di orgoglio e sostanza proprio nel momento del bisogno, visto il contemporaneo successo del Lecce che alza la quota salvezza.

Leggi anche: La Juventus supera la Lazio per 2-0 grazie ad un super Dybala


Rossi aveva chiesto una squadra umile, con la mentalità per rimanere in categoria: è stato accontentato perché, soprattutto nella ripresa, la Fiorentina ha giocato una partita tutta difesa e contropiede, centrando proprio di rimessa il gol del golpe grazie ad Amauri. L’oriundo, al primo, pesantissimo centro in maglia viola, finisce così per fare un favore all’”odiata” Juventus: servito da Jovetic, a sua volta liberato da un errato colpo di testa di Mexes, Amauri chiude i conti al 90’. Ma il gol era nell’aria dopo un paio di insidiose azioni di rimessa della Fiorentina di fronte agli attacchi continui e generosi ma inefficaci del Milan. Pessimo l’approccio alla partita dei rossoneri, lenti e scarsamente aggressivi.

Leggi anche: Serie A, anticipo: Torino-Roma 1-1, giallorossi beffati nel finale


Neppure il rigore generosamente concesso da Celi al 30’ per una trattenuta di Nastasic su Lopez e trasformato da Ibrahimovic ha scosso più di tanto il Diavolo: lo stesso Maxi ha sì colpito il palo poco dopo, negli unici momenti di sbandamento della Fiorentina, ma ad inizio ripresa la difesa rossonera si è subito fatta trovare scoperta concedendo la profondità a Jovetic, scattato sul filo del fuorigioco su assist di Behrami e pronto a firmare il pareggio. E’ stata la rete che ha stappato l’incontro ma i successivi attacchi del Milan sono stati disordinati e poco pericolosi, eccetto qualche mischia. Allegri ha finito con quattro punte inserendo anche Cassano ma era stato proprio il tridente con Binho affiancato ad Ibra e Lopez a sbilanciare la squadra. Ed a far scricchiolare scudetto e panchina.

Milan-Fiorentina 1-2

Marcatori: 31’ rig. Ibrahimovic; 47’ Jovetic; 89’ Amauri

Milan: Abbiati; Abate, Bonera, Mexes, Zambrotta (84’ Cassano); Nocerino, Ambrosini (53’ Aquilani), Muntari; Emanuelson (62’ Robinho); Ibrahimovic, Lopez. (Amelia, Yepes, Gattuso, El Shaarawy). All.: M. Allegri.

L'articolo prosegue subito dopo


Fiorentina: Boruc; Camporese (69’ Felipe), Nastasic, Natali; De Silvestri, Behrami, Kharja (84’ Olivera), A. Lazzari, Pasqual; Jovetic, Ljajic (77’ Amauri). (Neto, Romulo, Salifu, Marchionni). All.: D. Rossi.

Arbitro: Celi (Bari)

Ammoniti: Bonera, Nastasic, Ambrosini, Pasqual, Aquilani, Boruc e De Silvestri.

Leggi anche

Il presidente del Coni Giovanni Malagò
Sport

Calcio. Coni taglia contributi a Figc, -4,5 mln

Coni taglia contributi a Figc, -4,5 mln   Ammonta a 4,5 milioni di euro il taglio che il CONI ha deciso per contributi annuali alla Figc. Da 37,5 mln, si passa a 33 per l'anno 2017. E' quanto si é appreso al termine della riunione sui contributi che il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha tenuto oggi con i presidenti federali. Su 44 federazioni coinvolte, l'unica a presentare segno meno è proprio la Figc. Per altre 13 contributi invariati, mentre 30 ottengono un aumento. Tra queste, le più premiate sono quelle che hanno portato maggiori risultati a livello olimpico: nuoto, Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*