Serie A, Milan: ad Udine rimonta e primato

Calcio

Serie A, Milan: ad Udine rimonta e primato

Sull’orlo del precipizio, il Milan trova quella che ha tutta l’aria di essere la potenziale svolta della stagione. Perché se Udine è terra di scudetti assegnati (e quest’anno il campionato finirà il 5 maggio…), proprio contro l’avversario che lo scorso anno segnò la passerella finale dei rossoneri già scudettati il Diavolo si rialza, pur al culmine dell’emergenza, ed anche del nervosismo, ritrovando una vetta della classifica molto provvisoria ma altrettanto siginificativa visto il momento. Certo il blitz in casa di un’Udinese che perde la prima partita interna della stagione non verrà ricordato negli annali rossoneri per la spettacolarità del gioco ma con tante assenze era impossibile chiedere di più ad un gruppo privato di quasi tutta la qualità che possiede. Ed il bello del calcio fa sì che a decidere la partita, in assenza di Ibrahimovic, siano gli “anti-Tevez” per eccellenza: El Shaarawy e soprattutto Maxi Lopez, che ha dato la scossa ad una squadra fino a quel momento lenta e prevedibile. Guai invece per Guidolin: anche per i bianconeri infatti potrebbe essere stata ora di svolta, ma in negativo. Perché dopo un’ora di calcio quasi perfetto, l’infortunio (che si teme grave) di Isla, fino a quel momento il migliore in campo nell’inedita posizione di trequartista, e le due occasioni fallite che precedono di un minuto il pareggio e l’inizio della fine, sanno molto di sliding doors.

L’inizio della partita è soporifero: entrambe le squadre sembrano avere soprattutto paura di perdere, ed allora si gioca essenzialmente a centrocampo. I lanci lunghi dalle difese si sprecano e si capisce al volo che, vista la morfologia dei rispettivi attacchi, non è una buona idea soprattutto per il Milan, troppo compassato in fase di possesso e del tutto assente sulle seconde palle vista la staticità della linea mediana. Così il gol del vantaggio, siglato da Di Natale che duetta con Fernandes e poi scocca un gran tiro al volo sporcato da Thiago Silva, stappa la partita: almeno quella dell’Udinese, che da quel momento potrà cominciare a giocare in velocità come predilige, mentre il Milan accusa il colpo e si allunga pericolosamente per colpa della preoccupante differenza di passo a centrocampo. Così i bianconeri legittimano nel resto della prima frazione il meritato vantaggio sfiorando il raddoppio in due circostanze con Di Natale ma prima il capitano tenta il gol impossibile dalla linea di fondo, poi calcia a lato da centro area. Il Milan fatica a reagire perchè non trova varchi nè li cerca e l’unica occasione arriva allo scadere quando la prima disattenzione di Danilo per poco non viene sfruttata da El Shaarawy il cui tiro è deviato in angolo.

Nella ripresa la partita cambia: un po’ per merito del Milan, che rientra in campo senza sostituzioni ma con uno spirito più battagliero, ed un po’ per “colpa” dell’Udinese che, consapevole di non poter gestire quei ritmi, abbassa forse troppo il baricentro. Ma il primo quarto di secondo tempo sfila via senza grandi patemi per Guidolin, eccetto un colpo di testa del solito Nocerino, visto che il Milan continua a fare una gran fatica ad entrare in area. La svolta però è in agguato: al quarto d’ora si fa male Isla che interviene su Ambrosini prima di vedersi cadere sul ginocchio il peso del centrocampista rossonero. I bianconeri ma subito dopo prima Domizzi e poi Danilo chiamano Amelia a due super-parate per evitare il crollo. Sulla ripartenza successiva però il Milan trova il pari: El Shaarawy sfugge a Benatia e tira, Handanovic non trattiene e Lopez, entrato da un minuto, appoggia in rete. L’inerzia della partita si sposta, entrambe le squadre cercano la vittoria ma ora è il Milan ad essere più lucido ed a cinque dalla fine arriva il colpo del ko, a parti invertite: cross di Lopez dalla destra e girata vincente di El Shaarawy, al secondo gol in Serie A ed ancora contro l’Udinese. I gol di scorta riportano in alto il Milan che “rischia” di ricordarsi a lungo questa trasferta.

Udinese-Milan 1-2

Marcatori: 19′ Di Natale; 76′ Lopez; 84′ El Shaarawy

Udinese: Handanovic; Benatia, Danilo, Domizzi; Basta, Abdi, Pazienza (87′ Torje), Fernandes, Armero; Isla (61′ Pasquale); Di Natale (75′ Floro Flores). (Padelli, Coda, Ferronetti, Pereyra). All.: F. Guidolin.

Milan: Amelia; Abate, Mexes, Thiago Silva, Mesbah; Emanuelson, Ambrosini, Nocerino (66′ Lopez); Seedorf; Robinho (88′ Bonera), El Shaarawy. (Roma, Antonini, Zambrotta, Cristante, Inzaghi). All.: M. Allegri.

Arbitro: Bergonzi (Genova)

Ammoniti: Ambrosini, Thiago Silva, Domizzi ed Armero.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...