Serie A: Muntari rialza il Milan, Chievo ko (0-1)

Calcio

Serie A: Muntari rialza il Milan, Chievo ko (0-1)

Il Milan riparte dalla cabala. Nell’autunno 1987 una sofferta vittoria di misura a Verona rinsaldò la panchina di Arrigo Sacchi restituendo fiducia ad un gruppo scosso da un pessimo inizio di stagione e dall’eliminazione in Coppa Uefa, e quel giorno partì la cavalcata rossonera verso lo scudetto. Venticinque anni dopo la squadra di Allegri prova a mettersi alle spalle paure e tensioni post-sorpasso e si gode, anche se forse solo per poche ore, la vetta ritrovata: c’è tutto il cuore di una squadra che non vuole mollare nel sofferto 1-0 in casa del Chievo, anticipo della 32^ giornata della Serie A. Decide un gran gol in apertura di Muntari che dopo 7’ scaglia alle spalle di Sorrentino un maligno sinistro dal limite dell’area: seconda rete stagionale per il ghanese dopo quella che aveva sbloccato il risultato a Cesena e quella non vista contro la Juve. Sembrava il preludio di una serata tranquilla ma in realtà si è trattato di una delle poche incursioni rossonere nella metà campo gialloblù.

Ma d’altronde sarebbe stato impossibile oltre che ingiusto chiedere di più ad una squadra attanagliata dall’emergenza, e scesa in campo con una formazione del tutto inedita, con De Sciglio terzino destro, Yepes titolare dopo cinque mesi e Gattuso che non giocava dall’inizio dalla prima di campionato, oltre allo stesso Muntari schierato da play davanti alla difesa.

Così il Milan ha fatto di necessità virtù, concedendo nulla allo spettacolo ma disputando 90’ tutti cuore, grinta, esperienza ed attenzione con la pioggia a complicare il tutto. Mai pericoloso davanti eccetto un paio di contropiede non finalizzati da Nocerino e Robinho (cui dice di no Sorrentino), il Milan ha saputo gestire le forze, risultando a volte troppo lungo e sfilacciato ma compensando con una prestazione impeccabile di tutta la linea difensiva. Il controllo della gara è stato quasi sempre in mano al Chievo: la squadra di Di Carlo c’ha provato in tutti i modi prima di cedere solo nel finale alla stanchezza anche se il computo delle occasioni da rete non è così elevato.

Nel primo tempo il solo Paloschi ha fatto tremare Abbiati, con un colpo di testa sul fondo ed un gol annullato per un leggero ma giusto fuorigioco, nella serata perfetta dell’arbitro Valeri e degli assistenti Liberti e Viazzi, bravi anche nel pescare l’off side di Thereau nell’azione che a metà ripresa sarebbe valso un giusto rigore per il Chievo causa fallo di mano di Nesta, vanificato dal fuorigioco del francese.

Chiusa la prima frazione con il quasi gol di Rigoni, che calcia a lato dal limite con un improbabile tocco di esterno, il Chievo ha attaccato a testa bassa pure nella ripresa spegnendosi però dopo la grande parata di Abbiati, decisivo nei primi minuti nella respinta di un tiro dal limite di Bradley nonostante un infortunio al piede nel primo tempo che gli ha fatto rischiare a lungo la sostituzione. E proprio il volto del portiere è quello simbolo di una squadra che non vuole mollare, ma che ora può solo sperare.

Chievo-Milan 0-1

Marcatore: 7’ Muntari

Chievo: Sorrentino; N.

Frey, Andreolli, Cesar, Sardo (74’ Cesar); Sammarco (65’ Luciano), N. Rigoni, Bradley; Thereau; Paloschi (70’ Cruzado), Pellissier. (Puggioni, Andreolli, P. Hetemaj, Uribe). All.: D. Di Carlo.

Milan: Abbiati; De Sciglio, Nesta, Yepes, Zambrotta; Gattuso (62’ El Shaarawy), Muntari, Nocerino; Seedorf (88’ Strasser); Ibrahimovic, Robinho (68’ Emanuelson). (Amelia, Mexes, Cassano, Lopez). All.: M. Allegri.

Arbitro: Valeri (Roma)

Ammoniti: Sammarco, Dainelli, Muntari, Zambrotta, Sardo e Pellissier.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche