Serie B: Brescia beffato allo scadere a Reggio (1-1)

Calcio

Serie B: Brescia beffato allo scadere a Reggio (1-1)

Il Brescia manca la lode, ovvero la decima vittoria della gestione Calori. I lombardi falliscono infatti l’aggancio al sesto posto, l’ultimo utile in chiave playoff, facendosi raggiungere allo scadere sul campo della Reggina, nel posticipo-spareggio della 33^ giornata. E se è vero che è impossibile accusare le Rondinelle, al quarto pareggio della nuova gestione a fronte di una sola sconfitta e ben nove vittorie, è altrettanto innegabile che quella del Granillo è un’occasione sprecata, due punti persi che a fine campionato potrebbero pesare come un macigno: ma la squadra è stata tradita per una volta dal portiere Arcari, salito agli onori per il lungo record d’imbattibilità ma colpevole nell’occasione del pareggio, maturato proprio al 90’ per merito di Bonazzoli che spinge in rete di testa un cross lento di Rizzato anticipando proprio l’uscita sbagliatadel portiere avversario. Alla fine lo stadio esulta per il pericolo scampato ma il punto a testa non fa la gioia di nessuna delle due: del Brescia ma neppure della Reggina, che rimane ancora lontana (cinque punti) dal sesto posto e che sarà attesa venerdì dalla capolista Torino.

Esultano quindi Padova, Varese e Sampdoria ma quanti rimpianti per Calori considerando l’inferiorità numerica della Reggina, in dieci dal 36’ per l’espulsione di Emerson (entrata pericolosa a centro campo su Fausto Rossi) e le decisive parate di Belardi, di ritorno tra i pali amaranto, fondamentale nel tenere in piedi i suoi nella ripresa dicendo di no per due volte a Piovaccari che non ha concretizzato favorevoli azioni di rimessa.

Ma neppure a Belardi battuto il Brescia ha saputo chiudere l’incontro, fallendo due opportunità clamorose con Fausto Rossi nei primi minuti del secondo tempo. Vanificato quindi o quasi il vantaggio firmato Jonathas, al 28’ del primo tempo, maturato in verità al termine di un’azione casuale: nel primo vero attacco del Brescia Zambelli ha servito in profondità Daprelà, scattato forse in fuorigioco, la difesa reggina è rimasta immobile ed il terzino ha messo in mezzo per Jonathas, appostato in solitudine al limite dell’area piccola. Fino a quel momento era stata la Reggina a fare la partita, seppur a ritmi troppo bassi che hanno facilitato l’attenta difesa del Brescia, schierato con il consueto 3-5-1-1 che non ha concesso varchi. Ma dopo un gol annullato ad Angella (fallo di Bonazzoli su Arcari), il Brescia ha legittimato il vantaggio nella ripresa sprecando l’impossibile a fronte degli attacchi generosi ma improduttivi della Reggina che ha creato solo qualche mischia senza mai impegnare davvero Arcari.

Ma gli amaranto c’hanno creduto fino in fondo e sono stati premiati. Basterà?

Reggina-Brescia 1-1

Marcatori: 28’ Jonathas; 90’ Bonazzoli

Reggina: Belardi; Cosenza, Emerson, Angella; Ric. Colombo (59’ Melara), Rizzo (86’ Montiel), Armellino, Barillà, Rizzato; Bonazzoli, Campagnacci (65’ A. Viola). (Zandrini, Mat. D’Alessandro, N. Viola, Ceravolo). All.: A. Gregucci.

Brescia: Arcari; Caldirola, De Maio, Zoboli; Zambelli, Vass, Salamon, F. Rossi (78’ Piovaccari), Daprelà; El Kaddouri (88’ Cordova); Jonathas. (Leali, Dallamano, M. Mandorlini, L. Scaglia, Feczesin). All.: A. Calori.

Arbitro: Giacomelli (Trieste)

Ammoniti: Rizzo, Daprelà, Zambelli e Vass.

Espulso: Emerson al 36’ per gioco violento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche