Serie B: il Pescara affonda la Sampdoria

Calcio

Serie B: il Pescara affonda la Sampdoria

Si chiude come si era aperto l’orribile 2011 della Sampdoria: ma se lo 0-3 del 6 gennaio a Palermo non fu altro che un inquietante presagio di ciò che si sarebbe sviluppato nei mesi successivi, la sconfitta di misura all’Adriatico Cornacchia di Pescara allunga la crisi di una squadra che ormai sa solo pareggiare e perdere e che è andata incontro all’ennesima delusione quasi con rassegnazione. Ha deciso una rete di Sansovini esattamente a metà ripresa, in perfetto stile Zeman: verticalizzazione di Verratti per il taglio del capitano che brucia Rossini e supera Da Costa in uscita. Il Pescara scaccia quindi la crisi tornando alla vittoria dopo tre partite: una vittoria pesantissima visto che quella di Zeman è stata l’unica squadra delle prime sei della classifica a conquistare l’intera posta, ed una vittoria che vale il ritorno al quarto posto, appena due punti dietro la seconda posizione del Verona ed a cinque lunghezze dal Torino.

Allontanata pure la flessione fisica dell’ultimo periodo: emblematico il fatto che Zeman non abbia effettuato una sola sostituzione in tutti i 90’, sintomo di una squadra che corre e soprattutto lo fa bene.

Il successo è pienamente meritato benché sia arrivato nella ripresa, quando la partita era diventata più equilibrata per merito di una Sampdoria più corta e coraggiosa, tutto il contrario di quanto si era visto nella prima porzione di gara, che era stato un monologo biancoazzurro. Il Pescara aveva infatti interpretato la partita al meglio fin dai primi minuti, spingendo soprattutto dalla parte sinistra con il solito instancabile Balzano e con il ritrovato Insigne, ma alla resa dei conti si sono contate due sole occasioni, un colpo di testa alto di Kone ed una punizione che ha lambito la traversa di Togni al cospetto di un solo tiro della Samp, una debole conclusione di Piovaccari che rimarrà l’unico tiro blucerchiato in tutta la partita visto che dopo lo svantaggio i ragazzi di Iachini cadono nuovamente preda della frenesia non riuscendo ad organizzare una vera reazione e dovendo anzi ringraziare Da Costa, che sventa in due circostanze il raddoppio su Immobile.

E Zeman chiude pure senza reti al passivo.

Pescara-Sampdoria 1-0

Marcatore: 68′ Sansovini

Pescara: Anania; Zanon, Romagnoli, M. Capuano, Balzano; Kone, Verratti, Togni; Sansovini, Immobile, Insigne. (Pinsoglio, Brosco, Bocchetti, Nicco, Soddimo, Maniero, Giacomelli). All.: Z. Zeman.

Sampdoria: Da Costa; Rispoli, Volta, Rossini, Castellini; Dessena (75′ Koman), Palombo (61′ Obiang), Soriano (85′ Fornaroli); Foggia, Bertani, Piovaccari. (Fiorillo, Costa, Laczko, Padalino). All.: G. Iachini.

Arbitro: Ostinelli (Como)

Ammoniti: Volta, Romagnoli ed Obiang.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche