Serie B, il punto: le quattro gemelle diverse ed il playout che non c’è COMMENTA  

Serie B, il punto: le quattro gemelle diverse ed il playout che non c’è COMMENTA  

Ottanta, quattordici, tre, ventisei (i gol di Immobile), e si potrebbe continuare all’infinito. Sono solo alcuni dei numeri del Pescara che dieci giorni dopo lo show di Padova rifila un set pure al Vicenza: e se la prima cifra si riferisce al numero totale di gol realizzati (ma forse pure alle possibilità di andare in A direttamente…), le tre vittorie consecutive con quattordici reti segnate (e zero subiti, un dato su cui riflettere) fanno capire che la Primavera zemaniana è davvero cominciata. Certo non può essere un Vicenza allo sbando nonostante l’ennesimo cambio di allenatore il banco di prova più significativo ma la superiorità di corsa e gioco dei biancoazzurri è davvero disarmante. Non abbastanza comunque per farne la favorita assoluta nell’entusiasmante corsa a quattro per la promozione diretta: per la prima volta dopo oltre due mesi (non capitava dalla 27^ giornata, a metà febbraio), tutte e quattro le regine hanno vinto contemporaneamente, un dato che fa scontente tutte alzando la quota-promozione. Impossibile fare pronostici: perché se è vero che i successi di Torino e Verona non sono certo stati brillantissimi, in questo momento contano le energie rimaste oltre al calendario, ed allora se i granata dovranno ancora giocarsi tutto con due scontri diretti ed il Pescara dovrà vedersela con la Sampdoria, attenzione all’Hellas, l’unica a non avere scontri diretti, ed al Sassuolo, che ha il calendario migliore.


Per le due deluse ci sarà da affrontare una post-season che mai come quest’anno si annuncia incerta e combattuta: la griglia playoff potrebbe aver subito una svolta determinante con il duplice sorpasso subito dal Padova, scavalcato da Varese e Sampdoria. I numeri non mentono e dicono che nel girone di ritorno la squadra di Dal Canto ha un passo da zona retrocessione, oltre che deludere sul piano del gioco e dell’attenzione e senza i punti restituiti la corsa sarebbe forse già finita. Non che la Samp incanti ma almeno i blucerchiati hanno ora una fisionomia tattica riconoscibile, caratteristica che manca al Padova, travolto dai tanti cambi di uomini e di modulo. Dal Canto, meno di un anno dopo la Serie A sfiorata, pagherà per tutti ma ora ci vorrà un miracolo per saltare sul treno degli spareggi

Sul fondo invece respira l’Empoli: dopo aver visto le streghe per un tempo, sotto di un gol e salvato da due pali contro il Gubbio, la squadra di Aglietti si ricorda del proprio tasso tecnico e grazie ai senatori (Maccarone, Buscè e Tavano) ribalta il risultato staccandosi dalle ultime quattro e condannando di fatto gli umbri alla retrocessione. Un risultato molto più importante di quanto si potrebbe pensare non solo per i toscani ma per tutto il resto delle pericolanti: perché se apparentemente questa vittoria non farà felici Cittadella ed Ascoli in realtà scava un piccolo solco dal quart’ultimo posto in giù. E guardando il calendario dell’Empoli (che deve ancora recuperare la trasferta contro l’Albinoleffe) ed il passo lentissimo di Vicenza e Gubbio il rischio forte è quello che i playout non si disputino neppure se, come impone il regolamento, la distanza tra quart’ultima e quint’ultima sarà da cinque punti in su. Tutto insomma è nelle mani della Nocerina, l’unica pericolante ancora in grado di sperare davvero. Chiusura, mesta, sull’Albinoleffe: la favola dei seriani si sta chiudendo nel modo peggiore. Nove sconfitte consecutive sono un dato schiacciante ma la testa è ormai ad un futuro più che incerto per gli sviluppi del calcioscommesse. La nave andata salvata in tempo.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*