Serie B: il Torino batte il Crotone e si riprende la vetta solitaria - Notizie.it
Serie B: il Torino batte il Crotone e si riprende la vetta solitaria
Calcio

Serie B: il Torino batte il Crotone e si riprende la vetta solitaria

Più che una classifica quella del Toro sembra uno jo-jo. Nell’arco di appena quattro giorni i granata hanno toccato, lasciato e ritoccato quota 70 punti: una situazione più unica che rara, figlia delle lungaggini della giustizia sportiva italiana. Così meno di ventiquatt’ore dopo la sorprendente sentenza che ha tolto al Toro i tre punti conquistati a tavolino contro il Padova quaranta giorni fa la squadra di Ventura si stacca nuovamente al comando della graduatoria grazie alla vittoria contro il Crotone che subisce la seconda sconfitta, prima esterna, della gestione Drago undici partite dopo quella contro il Pescara. Uno stop però che non sembra pregiudicare la corsa dei pitagorici verso la salvezza, visti anche i risultati delle concorrenti.

Partita a due facce all’Olimpico: per tutto il primo tempo è stato il Torino a mostrare più fame di vittoria, ed il resto, cioè i ritmi molto bassi, sono stati imposti dal primo caldo stagionale e dall’imminenza del turno infrasettimanale del 1° maggio, ma nella ripresa i granata hanno mollato troppo presto gli ormeggi e, complice anche la pessima giornata dell’arbitro DI Bello, che ha concesso un inesistente rigore agli ospiti, Ventura ha dovuto sgolarsi fino al 90’ di fronte agli attacchi del Crotone, vicino anche al pareggio al 70’ quando un tiro dalla distanza del solito Calil è stato respinto in volo da Benussi.

Insomma non è stata una prestazione indimenticabile quella del Toro e l’ambiente tutto farà bene a non sottovalutarla in vista di una classifica totalmente riaperta e di un calendario non amico. Sbloccata subito la partita grazie al secondo gol stagionale di Glik, che venti giorni dopo la rete alla Reggina si ripete in fotocopia girando di testa in rete un angolo di Sgrigna, il Torino sembrava poter avere la strada piuttosto spianata. Così i granata hanno sciorinato il suo consueto possesso palla vista l’inconsistenza della reazione del Crotone che, privo delle stelle Florenzi e Sansone solo in panchina, ha esercitato uno sterile predominio territoriale producendo una sola vera occasione, il colpo di testa di un soffio a lato di Vinetot.

Il pericolo corso ha però scosso il Toro: i granata hanno così capito che era meglio chiudere la partita il prima possibile e dopo un bell’avvitamento di Antenucci con palla sul fondo hanno trovato il raddoppio al 40’ con uno stacco di Sgrigna bravo a farsi trovare pronto sul secondo palo su un cross dello stesso Antenucci.

Nella ripresa però si vede un Crotone più determinato: Drago manda in campo Nicola Sansone, dopo meno di un minuto dal via Maiello impegna Benussi poi entra in scena Di Bello che prima sorvola su un contatto Benussi-De Giorgio poi concede al 60’ un rigore inesistente per un fallo di Ogbonna mai commesso su Calil, che ha tentato un improbabile sfondamento centrale. Lo stesso brasiliano ha trasformato dal dischetto e poi sfiorato il pari quando il Toro si era già innervosito (quattro gli ammoniti a fine gara). Il risultato non cambia, la pressione su granata lo aveva già fatto da venerdì sera.

Torino-Crotone 2-1

Marcatori: 3’ Glik; 39’ Sgrigna; 60’ rig. Calil

Torino: Benussi; Darmian, Glik, Ogbonna, Parisi; Oduamadi, Basha, Iori, Guberti (60’ Vives); Antenucci (67’ R. Bianchi), Sgrigna (67’ Meggiorini). (Morello, Dan. D’Ambrosio, Verdi, Pasquato). All.: G. Ventura.

Crotone: Belec; Correia, Vinetot, Abruzzese, Mazzotta; Maiello (53’ Florenzi), Eramo, Galardo; Caccavallo (46’ N.

Sansone), De Giorgio (80’ S. Pettinari); Calil. (Bindi, Natalino, Loviso, Djuric). All. ri: G. Galluzzo – M. Drago.

Arbitro: Di Bello (Brindisi)

Ammoniti: Basha, Ogbonna, Meggiorini e Vives.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche