Serie B: la Sampdoria rinasce a Padova (1-2) - Notizie.it
Serie B: la Sampdoria rinasce a Padova (1-2)
Calcio

Serie B: la Sampdoria rinasce a Padova (1-2)

L’equazione è fin troppo semplice: girone nuovo, Samp nuova. Di certo se dovevano scegliere un’occasione per rinascere i blucerchiati non potevano pescare meglio: ovviamente sarebbe stato meglio evitare la settimana infernale tra violenti contestazioni e ritiro anticipato ma ora più che mai si può dire che il campionato della Samp comincia ora, dalla prima di ritorno. Il 2-1 di Padova segna il ritorno alla vittoria che mancava da nove giornate mentre per trovare un successo esterno bisogna risalire addirittura a metà ottobre, decima giornata ad Ascoli. E la zona playoff è distante appena tre punti. Fin qui le note positive che non sono poche dopo tante amarezze e che bastano ed avanzano per godersi qualche ora di gioia. E di speranza. Certo il gioco non è ancora quello sperato ma all’Euganeo contava solo vincere. La Samp l’ha fatto con pieno merito approfittando della confusione totale della squadra di Dal Canto capace di vincere una sola partita interna (quella delle polemiche contro il Torino) delle ultime cinque.

Un dato che si somma con le difficoltà in campo esterno ma che non esprime ancora al meglio il declino che sembra inarrestabile di una squadra lenta e prevedibile.

Alla Sampdoria infatti è bastato giocare per 90’ di rimessa per segnare due belle reti e sprecarne almeno altre tre. Semplice ma efficace la ricetta di Iachini che anche grazie a qualche intuizione a sorpresa come quella di Kristicic per Bentivoglio riesce a tenere la sua squadra corta e compatta puntando sulle ripartenze: una di queste frutta il vantaggio al 18’ quando Bertani, il migliore in campo, si fa cinquanta metri di campo per offrire a Pozzi il pallone dell’1-0. Ma neppure il colpo subito scuote il Padova, incapace di pressare e troppo ripetitivo nei lanci lunghi per la testa di Ruopolo. Così mentre nella Samp entra Palombo, al probabile passo d’addio, per l’infortunato Padalino è di Kristicic il tiro dalla distanza che fa tremare un Euganeo dal quale si levano i primi inevitabili fischi.

Il finale di tempo però è incoraggiante per il Padova: Dal Canto passa al 4-3-1-2 accentrando Lazarevic e proprio lo sloveno non arriva per un soffio sul cross di Cutolo dalla sinistra.

La manovra comunque si fa più veloce soprattutto grazie alla corsa dei terzini ed al 43’ è Romero a salvare il risultato con un colpo di reni su un colpo di testa di Ruopolo su angolo di Italiano. Sembra l’anticamera della riscossa ma non sarà così perché nel secondo tempo la Sampdoria troverà subito il raddoppio con un gran destro dalla distanza di Bertani per poi riuscire a difendersi con ordine sopportando anche dopo il bel gol di Bovo (sinistro da venticinque metri) e l’inevitabile stanchezza dopo tanta corsa. Ma poco dopo la mezzala di Dal Canto si farà ingenuamente espellere per proteste, e la luce biancoscudata si spegnerà definitivamente. Così il finale racconta solo di occasioni sprecate dalla Sampdoria, con Bertani ipnotizzato da Pelizzoli e Piovaccari a fallire il più facile dei gol.

Ma anche la dea bendata sembra aver cambiato direzione: un’altra speranza cui appigliarsi per una rimonta non impossibile.

Padova-Sampdoria 1-2

Marcatori: 18’ Pozzi; 55′ Bertani; 61′ Bovo

Padova: Pelizzoli; G. Donati, Legati, Schiavi, Renzetti; Bovo, Italiano (62’ Marcoini), Cuffa (79’ Jidayi); Cutolo, Ruopolo (46’ Hallenius), Lazarevic. (Perin, Franco, Trevisan, Drame). All.: A. Dal Canto.

Sampdoria: Romero; Berardi, Gastaldello, Rossini, Castellini; Padalino (25’ Palombo), Obiang, Kristicic; Bertani (88’ Rispoli), Pozzi (81’ Piovaccari), Juan Antonio. (Da Costa, Costa, Laczko, Foggia). All.: G. Iachini.

Arbitro: Ciampi (Roma)

Ammoniti: Gastaldello, Obiang, Juan Antonio e Berardi.

Espulso: Bovo per proteste al 74’.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche