Serie B: Sassuolo in panne, sprofonda il Modena COMMENTA  

Serie B: Sassuolo in panne, sprofonda il Modena COMMENTA  

Secondo 0-0 interno consecutivo in sette giorni per il Sassuolo, terzo nelle ultime quattro partite totali: la squadra di Pea non sfrutta la caduta del Pescara e manca il sorpasso, almeno momentaneo, sul Torino che invece vincendo a Brescia potrebbe “scappare” a +4. Colpa delle tante assenze in casa emiliana, soprattutto quella del “cervello” Magnanelli e quindi della necessaria fantasia in mezzo al campo, ma pure dell’ottima disposizione tattica dell’Ascoli di Silva che, pur con tante novità di formazione, è riuscito a togliere profondità all’attacco sassolese che conferma difficoltà ormai croniche davanti a difese schierate. Così l’intero primo tempo trascorre all’insegna di uno sterile possesso palla del Sassuolo di fronte al muro ascolano senza che Maurantonio, sostituto dello squalificato Guarna, compia una vera parata. Qualcosa di più si vede nella ripresa: prima l’ex Gazzola mette alto di pochissimo con un colpo di testa ma due minuti dopo è l’Ascoli a sfiorare il vantaggio con Ilari, il cui tiro a botta sicura è respinto da Marzoratti, poi è Pomini a salvarsi su conclusione di Giovannini. Pea prova a mischiare le carte ma i risultati si vedono solo nel finale: il neo-entrato Bruno si vede annullare una rete per fuorigioco mentre al 93’ Maurantonio vola all’incrocio su una punizione di Sansone, autore di una prestazione sotto tono.

Leggi anche: Coppa Italia: Carpi e Cagliari accedono agli ottavi di finale


Sassuolo-Ascoli 0-0
Sassuolo: Pomini; Marzoratti, Piccioni, P. Bianco; Consolini (69’ Donazzan), Gazzola, Valeri, Longhi; Missiroli (86’ Boakye); E. Marchi (70’ Bruno), G. Sansone. (Bassi, Benedetti, Vaccari, Troianiello). All.: F. Pea.

Leggi anche: La Juventus supera la Lazio per 2-0 grazie ad un super Dybala

Ascoli: Maurantonio; Scalise (80’ M. Ciofani), Faisca, Peccarisi, Giovannini, Tomi; Di Donato (77’ Parfait), Pederzoli, Ilari; Gerardi (86’ Papa Waigo), Falconieri. (Melillo, Andjelkovic, Sbaffo, Soncin). All.: M. Silva.

Arbitro: Baracani (Firenze)
Ammoniti: Pederzoli e Missiroli.

La Lazio può stare tranquilla: c’è chi sta peggio, nel calcio italiano. Si tratta del Modena che un allenatore in effetti ce l’ha, ma sfiduciato e protagonista di continui battibecchi con una rosa che non lo segue più: i risultati si sono visti al Barbetti dove i canarini hanno perso nettamente il delicato scontro salvezza contro il Gubbio subendo pure l’aggancio in classifica dalla squadra di Simoni che si rilancia dopo tre sconfitte di fila. Facile a questo punto pensare ad un cambio della guardia sulla panchina emiliana, resosi inevitabile dalla mancata reazione della squadra: non si può certo parlare di ammutinamento, ma se il Modena è questo allora ci sarebbe davvero da preoccuparsi. Eppure era stato Stanco, dopo appena sei minuti, il primo a sfiorare il gol ma il suo diagonale è stato sventato da Donnarumma. Rimarrà l’unico vero tiro in porta del Modena perché da quel momento il Gubbio comincerà a premere con continuità schiacciando un avversario troppo passivo: al 17’ Caglioni si salva su Ciofani ma venti minuti dopo dovrà arrendersi al destro dell’attaccante abruzzese, al settimo gol stagionale. Sbloccato il risultato il Gubbio allenta la presa ma il Modena non riesce a reagire non impensierendo mai la porta di Donnarumma. A dieci dalla fine arriva quindi il meritato 2-0, e non si tratta di un gol qualunque bensì della prima gioia in B della bandiera eugubina Alessandro Sandreani. La festa del Gubbio è completa, la farsa di Modena continua.

L'articolo prosegue subito dopo


Gubbio-Modena 2-0
Marcatori: 38’ D. Ciofani; 77’ Sandreani
Gubbio: A. Donnarumma; Briganti, Cottafava, Benedetti, Lofquist (56’ Ragatzu); Sandreani, Nwankwo, Mario Rui; Bazzoffia (79’ Caracciolo), D. Ciofani, Guzman (69’ Raggio Garibaldi). (Farabbi, Farina, Boisfer, Mastronunzio). All.: L. Simoni.
Modena: Caglioni; Milani, Carini, A. Perna, Bassoli (66’ Ardemagni); Nardini, Petre (17’ Ricchi), De Vitis; Di Gennaro, Signori; Greco (77’ Stanco). (Guardalben, Jefferson, Fantini, Foresta). All.: A. Cuttone.
Arbitro: Merchiori (Ferrara)
Ammoniti: De Vitis, Sandreani e Ricchi.

Leggi anche

Il presidente del Coni Giovanni Malagò
Sport

Calcio. Coni taglia contributi a Figc, -4,5 mln

Coni taglia contributi a Figc, -4,5 mln   Ammonta a 4,5 milioni di euro il taglio che il CONI ha deciso per contributi annuali alla Figc. Da 37,5 mln, si passa a 33 per l'anno 2017. E' quanto si é appreso al termine della riunione sui contributi che il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha tenuto oggi con i presidenti federali. Su 44 federazioni coinvolte, l'unica a presentare segno meno è proprio la Figc. Per altre 13 contributi invariati, mentre 30 ottengono un aumento. Tra queste, le più premiate sono quelle che hanno portato maggiori risultati a livello olimpico: nuoto, Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*