Serie B: Succi-gol, il derby è del Padova (0-1) COMMENTA  

TV di NOTIZIE.IT

Serie B: Succi-gol, il derby è del Padova (0-1) COMMENTA  

Con i suoi gol aveva trascinato il Padova ad un inizio stagione da favola prima del gravissimo infortunio (rottura del tendine d’Achille) subito a Novara il 15 gennaio 2011 che l’aveva costretto a fare lo spettatore nella spettacolare rincorsa dei compagni capaci di arrivare ad un passo dalla Serie A. Ma il destino ha deciso di cominciare a restituirgli un po’ del maltolto, e con gli interessi: Davide Succi, sostituto dell’infortunato dell’ultim’ora Cacia, non giocava titolare in campionato da quella fredda domenica di tredici mesi fa al Piola e non segnava dall’11 dicembre 2010 ma il suo primo gol stagionale è pesantissimo perché vale la vittoria dei biancoscudati sul campo del Vicenza cinquantaquattro anni dopo l’ultima volta. E non un gol banale bensì un bel destro di controbalzo al 13’ su rinvio corto di Giani: finisce 1-0 quindi il posticipo del Menti che manda in archivio la seconda vittoria esterna consecutiva per il Padova, tornato al quinto posto con un margine di quattro punti sul Brescia settimo ed al momento prima esclusa dai playoff.


Vittoria storica quindi come storica sta diventando la crisi del Vicenza: con questa fanno tredici partite senza vittorie e quattro intere senza reti all’attivo per la squadra di Beghetto, che ha incassato la terza sconfitta su tre gare della sua gestione. Ora i biancorossi sono stati raggiunti al quart’ultimo posto dall’Ascoli ma se quello dei playout rischia di diventare uno scoglio inevitabile ora la paura si chiama retrocessione diretta, distante appena due punti. Non è bastato a Zanchi e compagni un secondo tempo tutto grinta dopo una prima frazione iniziata in maniera colpevolmente timida prima e dopo lo svantaggio. Con Abbruscato troppo isolato là davanti e l’acerbo Maiorino solo volenteroso, Gavazzi è stato l’unico a darsi da fare ma per tutto il primo tempo Perin, preferito da Dal Canto a Pelizzoli, ha fatto lo spettatore: poco di più il suo lavoro nella ripresa quando il portiere ospite si è dovuto opporre solo ad un tiro dal limite dello stesso inesauribile Gavazzi in 45’ che comunque il Vicenza ha interpretato almeno con il cuore ma mostrando preoccupanti limiti in fase di costruzione e finalizzazione. Massimo risultato con il minimo sforzo quindi per il Padova che capitalizza l’unico tiro in 90’ e, grazie anche all’inedito 4-4-2-2 scelto da Dal Canto, controlla quasi sempre agevolmente la gara a centrocampo. E prova a rilanciarsi, più forte di tensioni e veleni.

Vicenza-Padova 0-1

Marcatori: 13’ Succi

Vicenza: Frison; D. Martinelli, Zanchi, Giani; Gavazzi, N. Rigoni (67’ Paro), Pinardi, Botta, G. Bianco (83’ Mustacchio); Maiorino (72’ M. Paolucci); Abbruscato. (Pinsoglio, Tonucci, Brighenti, Sandrini). All.: M. Beghetto.


Padova: Pelizzoli; G. Donati, Legati, Trevisan, Renzetti; Bovo, Bentivoglio; Cuffa, Marcolini (62’ Drame); Succi (85’ Hallenius), Ruopolo. (Perin, Franco, Portin, Italiano, Cutolo). All.: A. Dal Canto.

L'articolo prosegue subito dopo


Arbitro: Pinzani (Empoli)

Ammoniti: Trevisan, Perin, Bianco, Zanchi, Martinelli e Pinardi.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*