Serie: il Milan passeggia sul Cagliari e torna a -1

Calcio

Serie: il Milan passeggia sul Cagliari e torna a -1

Marce basse e totale controllo della partita: tanto i gol arrivano lo stesso. Il Milan risponde prontamente al tentativo di fuga della Juventus vittoriosa sabato contro l’Udinese e si riporta a -1 demolendo la resistenza di un Cagliari ordinato ma tremendamente inoffensivo sotto porta. I grimaldelli di una partita inizialmente bloccata portano sempre gli stessi nomi: Zlatan Ibrahimovic, autore di una splendida punizione che lo issa da solo al comando della classifica cannonieri, ed Antonio Nocerino, il mediano d’assalto ormai habituè del gol. E pensare che la prima mezz’ora conferma le preoccupazioni espresse alla vigilia dal tecnico rossonero di fronte alla sua ex squadra, reduce da un ottimo periodo di forma e risultati e molto migliorata rispetto all’andata giocata un mese fa. Così un Milan troppo lento nel far girare il pallone sbatte contro il muro cagliaritano: i sardi si difendono con ordine pressando a tutto campo e pur non pungendo mai riescono ad indirizzare la partita sui prediletti ritmi bassi.

La svolta arriva però improvisa al 32’ quando Ibra si trasforma da Pirlo e batte magistralmente una punizione dal limite che sorprende Agazzi, partito in leggero ritardo ma comunque incolpevole.

Dopo sei minuti arriva il secondo colpo per il Cagliari in cui non brilla la stella di uno spaesato Nainggolan, forse all’ultima partita in rossoblù: lancio lungo di Mexes, sponda di Ibra e volée mancina di Nocerino, al settimo gol stagionale. L’ex palermitano, l’unico a provarci anche nei primi, difficili minuti, è l’anima ed il volto di un Milan che sa esaltarsi anche nelle giornate di luna storta. La partita di fatto finisce qui nonostante ci fossero ancora quarantacinque minuti da giocare: impressionante infatti la capacità dei rossoneri di gestire a piacimento l’intero secondo tempo di fronte ad un avversario che le prova tutte per rientrare in partita ma che non fa neppure il solletico ad Abbiati, pur protetto da una difesa inedita. Anzi riempiendo la squadra di attaccanti Ballardini rischia l’imbarcata: alla mezz’ora arriva il tris firmato dal neo-entrato Ambrosini, autore di un pregevole esterno destro su assist di Emanuelson, poi ci prova pure Inzaghi, cui Allegri riserva i cinque minuti finali.

Gli ultimi in maglia rossonera? Chissà. Intanto in settimana riprende il duello a distanza: sarà ancora la Juve a giocare prima ma questo Milan non se ne preoccupa.

Milan-Cagliari 3-0

Marcatori: 32′ Ibrahimovic; 39′ Nocerino; 75′ Ambrosini

Milan: Abbiati; Abate, Nesta, Mexes, Mexbah; Emanuelson, Van Bommel, Nocerino; Seedorf (67′ Ambrosini); Ibrahimovic (84′ Inzaghi), Robinho (62′ El Shaarawy). (Amelia, Bonera, Zambrotta, Lopez). All.: M. Allegri.

Cagliari: Agazzi; Pisano (54′ Thiago Ribeiro), Canini, Astori, Agostini; Dessena, Ekdal, Nainggolan (66′ Conti); Cossu (57′ El Kabir); Pinilla, Ibarbo. (Avramov, Gozzi, Perico, Larrivey). All.: D. Ballardini.

Arbitro: Brighi (Cesena)

Ammoniti: Van Bommel e Nesta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche