Sesso: una volta a settimana per avere una vita di coppia felice

Style

Sesso: una volta a settimana per avere una vita di coppia felice

Il troppo stroppia, anche quando si parla di sesso. Secondo lo studio intitolato “Sexual Frequency Predicts Greater Well-Being, But More is Not Always Better” e pubblicato su Social Psychological and Personality Science dai ricercatori della University of Toronto Mississauga, le coppie più felici non sono quelle che fanno più sesso né quelle più ricche. Per avere un rapporto appagante, spiegano i ricercatori, ciò che conta è avere almeno un rapporto sessuale alla settimana, questo permette infatti di mantenere l’intimità, evitando l’ansia da prestazione.

Molti infatti sono convinti che per essere felici le coppie debbano avere frequenti momenti di intimità, diversamente si considerano all’interno di un rapporto fallimentare. Secondo i ricercatori invece questa è una convinzione errata se messa a confronto con la realtà. Per giungere a questa conclusione, gli scienziati hanno analizzato un campione di 30.000 americani, intervistati nell’arco di 40 anni su tematiche legate alla vita di coppia e ai rapporti sessuali.

I dati raccolti hanno mostrato che per le coppie la felicità si raggiunge con un rapporto sessuale a settimana e, diversamente da quanto si potesse pensare i maschi non sono quelli più interessati al sesso, né è vero che gli anziani tendono ad avere meno intimità.

“La nostra ricerca ha mostrato gli stessi risultati sia per gli uomini che per le donne, così come per i giovani e per gli anziani, per le coppie di nuova data così come quelle insieme da più decenni”, spiega Amy Muise, una delle autrici.

In un secondo studio, gli studiosi hanno analizzato la relazione che c’è tra soldi e vita di coppia felice. I dati raccolti hanno evidenziato che ci sono più differenze tra le persone che fanno sesso una volta al mese e quelle che invece hanno rapporti settimanali, rispetto a quelle che intercorrono tra chi guadagna tra i 15 e i 25 mila dollari e chi invece ne ha tra i 50 e i 75 mila.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche