Settore risicolo: incontro tecnico ministeriale e andamento del mercato

Attualità

Settore risicolo: incontro tecnico ministeriale e andamento del mercato

Il Servizio Economico Regionale di Coldiretti informa che si è svolto lunedì 18 giugno, presso l’Ente Risi, l’incontro del gruppo tecnico concernente la revisione del Decreto sulla classificazione delle varietà di riso 2012/2013. Il percorso di revisione del provvedimento annuale si chiuderà in un incontro ufficiale presso il Ministero delle Politiche Agricole, presumibilmente entro la seconda metà di luglio.
Per quanto riguarda l’andamento del mercato italiano: le vendite dei produttori della scorsa settimana hanno riguardato 13.865 tonnellate di “lunghi A”, 7.606 tonnellate di “lunghi B”, 7.076 tonnellate di “tondi” e 956 tonnellate di “medi”, per un totale di 29.503 tonnellate di risone.
Dall’inizio della campagna, risulta collocato l’85% circa della disponibilità, in linea con la percentuale di collocamento di un anno fa. Il gap rispetto all’anno scorso ammonta a -102.918 tonnellate (-7,4%). Per quanto concerne i prezzi registrati sulla piazza di Vercelli, si rileva l’aumento di € 20 della quotazione dell’Arborio (320 €/t), l’aumento di €10 della quotazione del Selenio (310 €/t) e l’incremento di €5 delle quotazioni di Loto (310 €/t) e Thaibonnet (290 €/t). Per quanto riguarda l’andamento del mercato europeo, gli operatori hanno chiesto titoli di importazione per 17.297 tonnellate, portando il computo totale della campagna a 670.963 tonnellate, base lavorato.

Nonostante la richiesta settimanale, superiore alla norma, il dato complessivo risulta in calo di 8.434 tonnellate (-1,2%) rispetto ad un anno fa. Le importazioni di riso lavorato risultano in aumento del 7,7% rispetto all’anno scorso, mentre le importazioni di riso semigreggio evidenziano un calo dell’8,6%. Le esportazioni si attestano a 141.292 tonnellate, base lavorato, con una riduzione di 4.036 tonnellate (-2,8%) rispetto alla scorsa campagna. Vietnam: il mercato continua a risentire della concorrenza indiana, in particolare per quanto riguarda l’export verso l’Africa Orientale. La speranza degli operatori è rivolta ad una nuova domanda da parte della Cina che, finora, ha acquistato 700.000 tonnellate di prodotto. Pakistan: le esportazioni procedono spedite e, a partire dal prossimo anno, potrebbero beneficiare di un accordo commerciale con la Malesia che prevede l’export di prodotti agricoli in cambio di prodotti elettronici.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche