Sexy robots – sesso con robot: quando in Italia

Style

Sexy robots – sesso con robot: quando in Italia

Sexy robots – sesso completo con robot affascinanti
Sexy robots – sesso completo con robot affascinanti

Tra breve sarà possibile fare sesso con robot di pelle sintetica simile alla nostra ed intelligenza artificiale.

Siete single e da tempo vorreste una compagna al vostro fianco, che dorma con voi la notte e vi tolga qualche capriccio? Avete desideri insoddisfatti e voglie mai condivise? Vivete su di una sedia a rotelle che vi impedisce di sentirvi sessualmente completi? Niente paura, tra breve sarà possibile fare sesso con un robot dalle caratteristiche umane, potrete decidere il colore della pelle, dei capelli, degli occhi e … udite, udite, persino la misura del reggiseno. Vi sembra impossibile? Invece è così.

Roxxxy il primo prototipo è stato creato nel 2010.
Il primo prototipo di sesso femminile, capelli color nocciola ed occhi invitanti, è stato creato nel 2010 e presentato ufficialmente all’Expo AVN con grande successo di pubblico. Un metro e settanta di altezza ed un peso massimo di 27 kg. Prezzo medio del robot circa 6.700 euro; realizzato da Douglas Hines esperto di intelligenza artificiale per far compagnia agli anziani, in realtà potrebbe interessare molti uomini soli, con handicap e donne.

Opzioni molteplici
Il robot potrà essere programmato per molteplici opzioni, soddisfacendo così i desideri più nascosti e celati e non necessariamente di tipo sessuale, sarà comprensivo e potrà farci compagnia, un po’ come Caterina, la ricordate? La fedele compagna robot del film con Alberto Sordi 1980.

Quali le criticità
Certamente questi nuovi robots soddisferanno bisogni sessuali e relazionali per persone con difficoltà di approccio o che non sono riuscite a trovare la compagna/o adatti al loro temperamento, Sostiene però la Dott.ssa Laura Berman psichiatra esperta di relazioni sociali, ci potranno essere aspetti positivi e negativi conseguenti questa trasformazione epocale, il sesso sarà sicuro e privo di impedimenti pregiudizievoli, ma tra gli aspetti negativi potrebbe manifestarsi con il tempo una forte dipendenza sessuale nei soggetti perennemente a contatto con questi affascinanti robot ed un calo considerevole nel coinvolgimento emotivo – relazionale.

Sembra impossibile, ma condividere la vita con questi robot sarà assolutamente normale.

Tra quanto tempo potranno essere in commercio e chi potrebbe acquistarli?
Si prevede la commercializzazione su larga scala tra circa 10/15 anni, inoltre un sondaggio promosso non molto tempo fa dalla Middlesex University (UK) ha fornito informazioni decisamente impreviste ed inaspettate, su un campione misto di circa 2000 persone il 17% ha detto sì, praticamente una persona su cinque non avrebbe alcun problema a condividere il proprio letto con un robot dalle sembianze umane. C’è da aspettarsi di tutto in un futuro prossimo. Meraviglie della scienza!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Riccardina Sgaramella 5 Articoli
Benvenuti nel mio profilo! Sono laureata in Filosofia Etica ed ho conseguito un corso di giornalismo etico anni fa. Scrivo per passione da quando sono bambina; giornali di quartiere, testi, programmi radio, favole per bambini. Ho molti hobbies: cucina, arte, cinema, natura, animali, viaggi. Se vi interessano i miei articoli, lasciate un commento, vi risponderò! :)