‘Sfida accettata’: ecco perché Facebook è invaso dalle foto del passato

Tecnologia

‘Sfida accettata’: ecco perché Facebook è invaso dalle foto del passato

'Sfida accettata': ecco perché Facebook è invaso dalle foto del passato
'Sfida accettata': ecco perché Facebook è invaso dalle foto del passato

Cosa significano tutti quei post apparsi su Facebook, intitolati “Sfida accettata” e corredati di ritratti passati degli utenti?

In queste ore imperversano immagini vintage di utenti che postano sui propri profili loro ritratti risalenti al passato. Obbligatoriamente sotto la scritta “Sfida accettata“. Che significa? È l’ennesima catena di sensibilizzazione nata sul noto social network.

Il tormentone è partito dalla Spagna nel settembre 2016 per poi diffondersi in Regno Unito e in India. Inizialmente, la campagna doveva sensibilizzare contro la lotta al cancro. Pochi semplici passaggi per popolare Facebook di fotografie in bianco e nero. Ecco l’appello originario: “Se hai messo un ‘Mi piace’ sotto la mia immagine, devi postare una tua immagine in bianco e nero e scrivere ‘Challenge Accepted’. Lascia che Facebook si riempa di immagini in bianco e nero per mostrare il nostro supporto alla lotta contro il cancro. Questa è la sfida. Quando i tuoi amici piacizzano il tuo post, manda a loro questo messaggio”.

In Italia, la sfida sembra aver perso la funzione di sensibilizzazione contro la lotta contro il cancro.

In queste ore, migliaia di utenti stanno postando fotografie che li ritraggono giovani per il piacere del ricordo. Questa nuova declinazione prevede che si postino anche foto a colori e non solo quelle in bianco e nero come era previsto nella campagna originaria partita dall’India.

Questa speciale catena ha trasformato le bacheche di Facebook in album di fotografie, commentate dagli amici nostalgici. Non è mancato però chi ha risposto, ‘accettando la sfida’ in maniera simpatica: postando immagini fake o curiosi fotomontaggi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche