Sgravi Imu e contratti verbali, continua l’impegno di Claudio Sacchetto COMMENTA  

Sgravi Imu e contratti verbali, continua l’impegno di Claudio Sacchetto COMMENTA  

Ieri, giovedì 26 gennaio 2012, l’Assessore Regionale all’Agricoltura del Piemonte,Claudio Sacchetto, ha preso parte ad un fondamentale incontro tenutosi a Roma: incontro tra il Ministro delle Politiche Agricole e gli Assessori Regionali all’Agricoltura. Le tematiche più importanti trattate riguardavano: gli sgravi Imu (imposta che grava in maniera esorbitante sui fabbricati rurali e terreni agricoli) e la scongiura del rischio di nuovo vincolo burocratico legato alla non ammissibilità del contratto verbale in ambito rurale.

Leggi anche: ISIS festeggia attacco terroristico Nizza

Il leghista Claudio Sacchetto ha dichiarato: “Per quanto concerne la proposta Piemontese -condivisa da altre Regioni- di trovare rimedio a una tassazione Imu che non può far altro che soffocare definitivamente le aziende agricole, pur apprezzando le parole del Ministro sullo sforzo fatto dal Mipaaf per alleggerire l’imposta specie nelle aree montane e svantaggiate, lo stesso ha dato una risposta non soddisfacente, confermando ancora una volta una politica, attuata dall’attuale Governo, che sta letteralmente perseguitando la nostra agricoltura, non cogliendo la fondamentale importanza di tale comparto. Prova ne è l’assordante silenzio sull’argomento del Ministero all’Economia.

Leggi anche: Attentato Nizza – Numeri utili

Sulla questione contratti verbali si è ricevuto qualche segnale di apertura da parte di Agea, resta comunque il fatto che il Piemonte non applicherà un provvedimento che si traduce nella richiesta all’agricoltore di ulteriore burocrazia: la direzione adottata dall’Assessorato piemontese fino a questo momento è esattamente contraria, vale a dire non chiedere più documenti di quelli che effettivamente servono. Sull’ipotetica tassa sul cibo spazzatura, dopo l’approfondimento fatto al tavolo, si è convenuto di accantonare la proposta e di esplorare altre fonti di gettito”.

Leggi anche

Bimbo nato disabile a Catania: le sentenzevoleva finire il turno
Attualità

Bimbo nato disabile a Catania: le sentenze

Nasce un bambino disabile perché i medici non hanno voluto fare gli straordinari. La malsanità oggi è all'ordine del giorno in Italia.   Una mamma disperata e traumatizzata di Catania racconta. "Li imploravo di farmi il cesareo, ma loro mi ignoravano. Ora mio figlio è disabile e non so ancora un giorno potrà parlare e camminare, non so nemmeno se sente la mia voce". La donna doveva partorire e i medici le hanno negato il parto cesareo per evitare lo straordinario e poter così ritornare a casa. La donna oggi, a distanza di un anno e mezzo dalla nascita del suo bambino, chiede Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*